Un giorno a Key West, cosa fare e cosa vedere

Condividi su...Share on Facebook4Share on Google+1Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

Durante il mio viaggio a Miami e alle Bahamas, ho trascorso un giorno a Key West.

Prime impressioni

Appena sbarcata dall’Enchantment of The Seas di Royal Caribbean il mio primo pensiero è stato: “Wow, la nave ha attraccato praticamente in centro e sembra più grande della città!

Enchantment Of The Seas a Key West
Enchantment Of The Seas a Key West

Eccola qui, la nave era così grande che il pontile non era in grado di percorrerla tutta!

Il secondo pensiero è stato: “E’ proprio una cittadina molto carina! Le tipiche case dell’epoca coloniale sono molto particolari!

Infatti, appena a terra, sarai subito immerso in una piazza con tutte le caratteristiche case basse in stile coloniale.

Ma vediamo qualche informazione in più su questa città: Key West è la più famosa delle oltre 1 700 isole che compongono le Florida Keys.

Dal molo dove attraccano le navi da crociera, potrai scorgere altre due isole accessibili solamente dal mare. Si tratta di Wisteria Island e Key Haven. 

Wisteria Island è soprannominata Christmas Tree Island per il gran numero di pini che crescono su essa. Si tratta di un’isola disabitata con un’area di soli 0,1 chilometri quadrati.

Tornando a Key West, si tratta della città più a sud degli Stati Uniti continentali ed in linea d’aria è più vicina a Cuba (170 chilometri) che al continente americano (207 chilometri).

La storia

La storia di Key West è molto curiosa.

Molto tempo fa era abitata da una popolazione indigena che costruì città e templi sparsi per la maggior parte della Florida occidentale.

Nel 1521 fu scoperta dal famoso Ponce De Léon.

Articolo consigliato: Cosa vedere a Miami? Storia e divertimento

Inizialmente venne chiamata Cayo Hueso, “isola delle ossa”, perchè si pensava fosse disabitata e cosparsa di ossa e si trattava di un territorio frequentato prevalentemente da pirati e pescatori.

Negli anni seguenti la Florida fu dapprima sotto il dominio degli inglesi (1763), in seguito degli spagnoli (1783). Infine, nel 1819 la Spagna cedette la Florida agli Stati Uniti in cambio di un compenso di 5 milioni di dollari.

Nel 1822 sull’isola di Key West venne stabilita una base navale per combattere la pirateria, attorno alla quale iniziò a sorgere la cittadina, che inizialmente era abitata da americani e da immigrati provenienti dalle Bahamas.

Nel 1860 Key West era, addirittura, la città più ricca pro capite degli Stati Uniti. Si era arricchita notevolmente grazie al recupero dei relitti delle navi affondate.

Nel 1912 venne inaugurata l’Overseas Railroad, un’estensione della Florida East Coast Railway fino a Key West. Una grande opera che fu operativa dal 1912 al 1935, a causa della distruzione da parte di un uragano.

Merita una citazione il famoso Henry Flagler.

Henry Flagler era il fondatore della Standard Oil, l’attuale Esso, uno dei più grandi colossi dell’industria petrolifera. Verso la fine del 1870 si interessò alla Florida, in quanto era in cerca di un clima favorevole dove poter risiedere con la moglie malata.

Per questo contribuì allo sviluppo della zona, costruendo resort, hotel ed, in particolare, la Florida East Coast Railway (FEC).

Dopo la distruzione da parte di un uragano di forza 5, i costruttori della ferrovia non avevano più fondi per ripararla e, quindi, la vendettero allo stato della Florida, che utilizzò i ponti per la costruzione della Overseas Highway, la famosa “autostrada sul mare” o US 1 – N, la quale venne aperta al pubblico nel 1938.

La Conch Republic

Il 23 aprile 1982 Key West dichiarò la propria indipendenza dalla Florida e venne istituita la Repubblica dei Conch

Le motivazioni che spinsero questa secesssione furono un posto di blocco istituito dalla US Border Patrol nel 1982 che rallentò le attività turistiche della zona e la respinta dell’ingiunzione da parte del tribunale.

Nell’ambito della protesta venne anche intrapresa una guerra. In realtà si trattò solo di un gesto simbolico: venne rotto un pezzo di pane cubano raffermo sopra la testa di un uomo vestito in uniforme che si arrese subito dopo.

In seguito a questa sorta di secessione, i posti di blocco vennero rimossi.

Ogni anno si celebra tutt’ora il “giorno della repubblica”, il 23 aprile e la Repubblica è ancora esistente. Mantiene un esercito, una marina ed una forza aeronautica.

E’ possibile anche richiedere il passaporto, tramite il loro sito web!

Come muoversi?

Innanzitutto, vediamo come raggiungere Key West.

La cittadina può essere raggiunta via terra, via mare o via aerea.

Per me si trattava di uno scalo di una crociera, quindi, è stato molto semplice.

Se sei a Miami e vuoi raggiungerla hai due scelte: un tour organizzato in pullman oppure una macchina a noleggio.

Sinceramente, ti consiglio la seconda perchè ho letto delle esperienze di alcune persone che si sono recate in bus ed hanno impiegato 6 ore ad andare e 6 ore a tornare. In conclusione, hanno trascorso ben poco tempo in questa città e si sono portati a casa una gran strapazzata.

In macchina per conto proprio, secondo me, è la soluzione migliore: puoi gestirti come vuoi il tempo di viaggio e goderti anche le altre keys. 

Da Miami sono circa 260 chilometri per, più o meno, 4 ore di viaggio, ma percorrere tutta la famosa US 1 N deve essere un vero spettacolo.

Fine della US 1
Fine della US 1

Una volta arrivati a Key West, il modo migliore per girare questa cittadina è a piedi.

L’unico punto un pochino distante è raggiungere il famoso Southern Most Point, ma si tratta di una passeggiata di circa 15 minuti.

Se proprio non vuoi camminare, ci sono delle alternative a pagamento:

  • Conch Tour Train, un trenino storico presente dal 1958. Il tour inizia di fronte allo Street Depot, si conclude in Mallory Square ed ha una durata di 1 ora e mezza. I biglietti possono essere acquistati direttamente alle fermate, oppure, in anticipo, online. In questo secondo caso riuscirai a risparmiare qualcosa, in quanto non è molto economico. Il ticket per un giorno è pari a 31.45USD alla fermata e 28.30USD online;
  • Old Town Trolley Tour, si tratta di un vecchio tram restaurato ed ora senza binari. Il punto di partenza è Mallory Square ed, anche, per questo ti consiglio di acquistare i biglietti in precedenza online per risparmiare. I prezzi sono gli stessi del Conch Tour Train;
  • Noleggio di una bicicletta, in alternativa potresti noleggiare una bicicletta per visitare la città. Ne ho viste molte durante la giornata;
  • Mezzi pubblici, puoi, anche, utilizzare i bus, ma, in questo caso, ti consiglio di informarti bene in anticipo sugli orari. 

Cosa vedere?

Key West è una città molto kitsch. Ovunque potrai trovare qualcosa di particolare ed, a volte, strano. Tipo questa automobile:

Stranezze di Key West
Stranezze di Key West

Ognuno cerca di inventarsi qualcosa per attrarre i turisti.

Personalmente, mi sono limitata a vedere le principali attrazioni solamente dall’esterno. Se le avessi visitate tutte, avrei speso una fortuna!

Southernmost Point of The U.S.

Sicuramente il punto più famoso della città, il Southernmost Point of The U.S., il punto più a sud degli Stati Uniti, più vicino a Cuba che al continente.

Qui, troverai sicuramente la fila per la classica foto, ma ne vale la pena!

Southernmost Point Of The U.S.
Southernmost Point Of The U.S.

Questa attrazione turistica è stata eretta nel 1983, ma, per la precisione, non si tratta del punto più a Sud degli Stati Uniti.

In realtà, il punto più meridionale del continente americano si trova a Ballast Key. Si tratta di un’isola privata che, tra le altre, attualmente è in vendita, per la modica cifra di 15 800 000 USD (circa 14 800 000 euro). Se vuoi farci un pensiero… 😉

End of US1

Questo è un altro famoso punto fotografico: la fine della famosa US1, chiamato US1 mile marker zero sign.

US1 mile marker zero sign
US1 mile marker zero sign

Mallory Square

La piazza principale della città di Key West è Mallory Square.

Qui potrai trovare numerosi negozi molto particolari ed un mercatino sempre aperto.

I negozi di Mallory Square
I negozi di Mallory Square

Ti consiglio di visitare il Key West Sponge Market e la Shell Warehouse, due negozi interamente dedicati alle spugne di mare ed alle conchiglie. Ne potrai trovare veramente di ogni tipologia e grandezza.

Mallory  Square
Mallory Square

Duval Street

Duval Street è la strada principale di Key West, parte da Mallory Square e termina al Southermost Point.

Su questa particolare via si possono trovare tutti i principali negozi, come l’Hard Rock Cafè.

Sinceramente, l’Hard Rock Cafè di Key West non mi è piaciuto. Ok, il bar era all’interno di una tipica casa coloniale, ma il negozio era una misera bancarella in cui dovevi chiedere all’addetto per vedere vestiti e gadget.

Non è proprio il mio stile, preferisco poter guardare e toccare con mano quello che potrei acquistare, senza l’ansia di qualcuno che ti guarda lì davanti e ti mette fretta. Tu come la pensi?

Su Duval Street potrai trovare ovunque i negozi dei souvenir, in particolare magliette con ogni genere di scritta. 

Mi sarebbe anche piaciuto provare un tipico cocktail servito all’interno o della noce di cocco intera o di un’ananas, ma erano troppo cari 🙁 Magari la prossima volta…

Duval Street addobbata per Natale
Duval Street addobbata per Natale

Casa Hemingway

Si tratta della residenza del famoso autore americano Ernest Hemingway. Qui scrisse numerose sue opere.

Una particolarità di questa casa è la presenza di gatti molto strani: hanno sei dita sulle zampe. 

Casa Hemingway
Casa Hemingway

Hemingway amava i gatti con questa stranezza ed, oggi nella sua residenza sono rimasti i discendenti del primo che gli fu regalato da un capitano di una nave. Se ne contano circa 60, la metà polidattile (il nome scientifico per questa condizione).

Truman’s Little White House

Dal 1890 questa casa fu la sede del comando della marina durante la guerra ispano-americano, la prima e la seconda guerra mondiale. 

Dal 1946 divenne la residenza invernale del presidente Harry Truman. Egli scelse questo luogo per il suo clima tropicale.

Truman's Little White House
Truman’s Little White House

Key West Acquarium

Key West Acquarium è perfetto se hai dei bambini. E’ situato su Mallory Square, nei pressi della banchina del porto.

Ti divertirai sicuramente a scoprire i pesci più colorati.

Key West Acquarium
Key West Acquarium

Key West Butterfly and Nature Conservatory

Altro luogo perfetto per le famiglie.

Al Key West Butterfly and Nature Conservatory sono presenti centinaia di farfalle colorate. Anche l’edificio in cui è presente questo conservatorio è interamente decorato da forme di farfalle.

Key West Butterfly
Key West Butterfly

Custom’s House

Questo imponente edifcio rosso sarà uno dei primi che noterai quando metterai piede a Key West.

Fu costruito nel 1891 ed oggi è sede del Key West Art & Historical Museum.

Altra icona molto fotografata della città è l’imponente statua dedicata agli immigrati presente davanti al museo.

Statua di fronte alla Custom's House
Statua di fronte alla Custom’s House

Una passeggiata al porto

Se prima di tornare a casa in macchina, con il bus, o salire sulla nave da crociera per ripartire verso la prossima tappa, ti consiglio di goderti una passeggiata lungo il molo.

E’ molto rilassante ammirare l’oceano, il tramonto e puoi scoprire dei punti molto particolari, come questo:

Passeggiata lungo il molo
Passeggiata lungo il molo

Insomma, Key West è una piccola cittadina che in un giorno riesci a visitare appieno e potrai trovare sicuramente l’attrazione che desideri visitare e che soddisferà i tuoi gusti.

barra aereo Non dimenticare di iscriverti alla newsletter e di mettere Mi Piace alla pagina Facebook di Viaggiando A Testa Alta per restare aggiornato su tutti i miei prossimi articoli e spostamenti.

Kiss Kiss,

Cassandra

#ViaggiandoATestaAlta

Condividi su...Share on Facebook4Share on Google+1Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

3 Replies to “Un giorno a Key West, cosa fare e cosa vedere”

  1. Amando i gatti sarei curiosa di vedere questi polidattili 🙂 A dicembre avevo in programma un viaggio da quelle parti poi abbiamo optato per altra meta ma non escludo di andare il prossimo dicembre perché fa piacere in inverno andare in un posto caldo!

  2. Grazie per il bel reportage, forse un giorno ci andrò anch’io. In questo periodo non posso perché la mia cagnolina ha 14 anni, non può affrontare un viaggio così lungo e io non posso andare via senza la mia piccolina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *