Travel Interview – Lularound

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

Oggi intervistiamo Irene Di Summa, fondatrice del blog Lularound.

Travel Interview Lularound

Irene nella sua descrizione afferma:

<<Irene è una nomade nell’anima, una tipa che non sa stare ferma, nè con la testa nè con la mente. Una che ha deciso di mollare un buon posto di lavoro a tempo indeterminato per decidere del proprio tempo e della propria vita!>>

Irene, siamo entrambe delle viaggiatrici seriali. A volte mi succede di confrontare il prezzo di qualcosa (per esempio una borsa firmata) con il costo di un weekend fuori porta… Starò impazzendo 😉

Sono contenta che tu sia riuscita a realizzare il lavoro dei tuoi sogni e decidere in autonomia quello che vuoi fare della tua vita! Ti faccio i miei complimenti!

Ma ora lasciamole la parola. Ecco a te Irene di Lularound.

  • Iniziamo: per prima cosa, raccontaci di te. Chi è Irene?

Irene è una nomade nell’anima, una tipa che non sa stare ferma, nè con la testa nè con la mente. Una a cui viaggiare piace più di ogni altra cosa e che adora farlo low cost, prediligendo il contatto con i locali e camminando tanto!

Una che ha deciso di mollare un buon posto di lavoro a tempo indeterminato per decidere del proprio tempo e della propria vita, e che adesso vive a Lanzarote lavorando come copywriter, social media manager e gestendo siti.

 

  • Com’è nato il tuo blog Lularound?

Lularound è nato quasi per caso ed è cambiato molto nel tempo…

All’inizio era un diario per condividere con amici e parenti i miei viaggi in solitaria, è nato durante il mio fantastico mese zaino in spalla tra Thailandia e Laos per raccontare le mie giornate all’avventura…

Laos
Laos – Photo Credit: Lularound

Adesso direi che è meno improntato sul singolo viaggio quanto piuttosto sul benessere e la felicità che viaggiare (anche con la mente) apporta, mi piace segnalare storie di chi parte alla ricerca della felicità, libri che ho letto e che mi sono particolarmente piaciuti (e che sono compagni fidati in viaggio).

Infine, poichè sono vegana, c’è un po’ nascosta anche una sezione sui locali vegan che trovo e provo in giro per il mondo che può essere utile a chi ha fatto la mia stessa scelta.

 

  • Quale canale social preferisci e perchè?

Beh ora come ora senza dubbio Instagram!

Facebook è senz’altro utile e sempre più “potente”, lo uso tantissimo per lavoro, Twitter lo utilizzo soprattutto per vedere i trend topic ma Instagram.. è una droga! Mi piace perché ci sono immagini veramente belle che ti fanno sognare, seguo soprattutto gli account legati al mondo travel e lifestyle.

Marocco
Marocco – Photo Credit: Lularound
  • Quali sono, secondo te, le 3 migliori qualità che un travel blogger dovrebbe possedere?

Costanza, costanza, costanza! 😀

Scherzo, ma non troppo! E forse lo dico anche perché è il mio tallone d’Achille, ci sono giorni che sono ispirata e scrivo tre post e poi magari per giorni e giorni non riesco a scrivere più niente. E’ certo, però, che i risultati non arrivano subito e senza la costanza non si va da nessuna parte 🙂

Aggiungerei la curiosità, quella voglia di scoprire qualcosa in più, di diverso e di metterci qualcosa di tuo, di raccontare il viaggio che stai vivendo attraverso le sue sensazioni.

Il viaggio non è solo fisico ma anche un viaggio dentro noi stessi…

Altrimenti viene fuori una guida… e di quelle ce ne sono già tante!

Patagonia
Patagonia – Photo Credit: Lularound

E poi mi piace leggere di chi sceglie il proprio viaggio in autonomia, come lo fa e perché…

Devo essere sincera, nutro pochissimo interesse per i resoconti dei blog tour di gruppo, quelli in cui vengono contattati magari 10 travel blogger che alla fine faranno praticamente tutti le stesse attività già organizzate dall’ente del turismo.

Quando viaggio non programmo praticamente niente, leggo molto prima ma poi lascio aperta ogni possibilità e cambio programma a seconda di ciò che mi accade, di chi incontro, dei consigli della gente del posto.

 

  • Quale luogo del Mondo ti ha maggiormente colpito e perché?

Difficile rispondere…

Ogni luogo ha qualcosa di magico che lo caratterizza e che mi colpisce, generalizzando un poco però posso dirti che i posti che mi hanno colpita di più sono quelli più poveri.

I piccoli villaggi in Kenya, Laos, Thailandia, Nepal.

I sorrisi più belli e sereni e che non dimenticherò mai io li ho visti nelle condizioni “materialmente” più desolate.

Thailandia
Photo Credit: Lularound
  • Il viaggio aereo più lungo su cui sei salita? Come hai fatto passare il tempo?

Credo il volo per Bangkok, o forse quello per Katmandu, ma non ricordo bene, anche perché, per risparmiare, i viaggi per le destinazioni più lontane li ho fatti tutti con più scali.

Non soffro comunque i lunghi viaggi, approfitto del tempo a disposizione per leggere, studiare ancora un po’ i luoghi che vorrei visitare e, anche, per dormire e riposarmi, visto che da quando atterro non mi fermo più!

Appena arrivo in nuovo posto camminare è ciò che mi piace di più: adoro iniziare ad immergermi nella nuova realtà, assaporare il luogo, sentirne l’odore, soffermarmi sugli scorci, parlare con la gente del posto ed è un qualcosa che è molto più facile fare andando a piedi.

 

  • Per un viaggio preferisci il mare, la montagna o la città?

Dipende dal momento, dal periodo. Ma in generale amo molto la natura e anche quando visito le città cerco sempre di scoprirne i parchi, di camminare lungo il fiume, di visitarne l’orto botanico.

In generale comunque dedico alle città soste di non più di 3-4 giorni.

La montagna mi piace soprattutto d’estate, adoro camminare.

Rodi
Rodi – Photo Credit: Lularound

Mentre il mare lo amo sempre. Non è un caso che abbia deciso di venire a vivere a Lanzarote!

Il mare mi da pace e serenità, ma non sono troppo un tipo da spiaggia, adoro conoscere i paesini, i villaggi dei pescatori, godere dei meravigliosi tramonti e rendermi conto, ancora una volta di più, che le immagini più belle te le regala la natura.

 

  • Se dovessi preparare la valigia in pochi minuti che cosa metteresti?

…valigia?? Chi ha detto valigia? Io ho solo zaini 😀

Piccoli, grandi, medi, ma viaggio solo con lo zaino. Mi dà più libertà, ho le mani libere per fare le foto, prendere una cartina, mangiare street food, camminare in qualsiasi tipo di “strada” senza dovermi trascinare dietro la valigia.

E la verità è: che io lo zaino lo preparo in pochi minuti sempre…

Il mio ragazzo mi prende in giro perché impiego meno tempo di lui a farlo, ma ormai l’esperienza mi dice che less is more!

Essenziali? Macchina fotografica, telefono e caricabatterie, documenti (e relative fotocopie, da tenere separati), due cambi, un mini beauty da viaggio, un paio di infradito, scarpe comode ai piedi e io sono a posto, davvero.

Viaggiare leggeri è una liberazione.

 

  • Hai a disposizione solamente un weekend ed un budget abbastanza ridotto, dove andresti?

Imposto Skyscanner su “qualsiasi destinazione” o Ryanair sui voli meno cari e parto.

Davvero, l’ho fatto tantissime volte e non me ne sono mai pentita.

Ogni viaggio sa regalarti qualcosa se sei disposto ad accoglierlo, ed il fatto di viaggiare con budget ridotti ti consente di farne di più! 😉

 

  • Ed infine, raccontaci un po’ del tuo futuro: qual’è il tuo prossimo viaggio o progetto in programma?

Il prossimo viaggio a breve raggio che ho in mente di fare è in Portogallo.

Sono già stata a Porto e Lisbona (e le ho adorate entrambe), ma adesso mi piacerebbe fare un viaggio on the road in Algarve, ci sono dei paesaggi meravigliosi e poi percorrere a piedi la rota vicentina, un lungo (più di 300 km) e scenografico cammino lungo la costa, da percorrere ovviamente a tappe.

E poi ne ho moltissimi altri nella testa ma è solo questione di tempo, prima o poi riuscirò a realizzarli!

Lanzarote
Lanzarote – Photo Credit: Lularound

Irene non so proprio come fai a viaggiare solo con lo zaino e con il minimo essenziale. 

Io non ce la faccio proprio, ho sempre mille paranoie. Devo dire che negli ultimi anni sto cercando di migliorarmi, ma al tuo livello non credo che arriverò mai 😉

Vivi a Lanzarote! Non sai quanto ti invidio!

Ormai sono 3 anni che ogni Agosto passo, almeno una settimana alle isole Canarie. Le 4 isole principali le ho visitate tutte e credo che siano un ottimo luogo in cui vivere. 

Primavera/estate tutto l’anno: un sogno per chi, come me, odia l’inverno ed il freddo!

Sono curiosa di scoprire e leggere del tuo prossimo viaggio, ti seguirò con piacere!

Ecco questa è Irene, se la vuoi seguire anche tu, qui di seguito trovi i link del suo blog e dei suoi canali social:

Sito WebFacebook Instagram  – Twitter

barra aereoNon dimenticare di iscriverti alla newsletter e di mettere Mi Piace alla pagina Facebook di Viaggiando A Testa Alta per restare aggiornato su tutti i miei prossimi articoli e spostamenti.

Kiss Kiss,

Cassandra

#ViaggiandoATestaAlta

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

2 Replies to “Travel Interview – Lularound”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *