The Art of The Brick, Milano: un mondo di LEGO

Condividi su...Share on Facebook1Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

Ho visitato la speciale mostra di The Art of The Brick a Milano e ne sono stata molto colpita. Ecco la mia esperienza.

The Art of The Brick

La CNN l’ha definita:

Una delle 10 mostre al Mondo da visitare almeno una volta della vita!

e dopo averla vista posso dire che è veramente così.

Verrai catapultato in un mondo costruito interamente con i famosi mattoncini LEGO. Potrai ritornare bambino e rivivere i fantastici momenti in cui pezzettino dopo pezzettino riuscivi a creare qualcosa di straordinario.

Ed è proprio questo che Nathan Sawaya, l’artista che ha realizzato queste opere, ha voluto ricreare. Nel corso degli anni e con enorme pazienza ha ricreato, utilizzando milioni di pezzi, le opere più famose di tutto il Mondo.

The Art of The Brick

Nathan Sawaya, l’artista di The Art of The Brick

Nathan Sawaya è il protagonista di questa grande mostra, in quanto autore di tutte le opere presente.

Si tratta di un giovane americano, originario dello stato di Washington. Come ogni bambino, amava immaginare e creare utilizzando i mattoncini LEGO. 

Il suo grande passatempo non si espresse subito, si iscrisse alla Facoltà di Giurisprudenza, allo scopo di diventare un grande avvocato. Ben presto, si rese conto che questa vita non faceva per lui, quindi decise di abbandonare tutto per dedicarsi alla costruzione di straordinarie opere.

Fu il primo artista che realizzò delle opere d’arte con i LEGO ed è autore di due best-seller internazionali.

Le sue creazioni, ad oggi, sono state realizzate con più di 4 milioni di pezzi e le mostre attraggono migliaia di visitare in ogni parte del Mondo.

L’artista possiede due studi: uno a a New York ed uno a Los Angeles.

Le opere presenti nella mostra

La mostra milanese si sviluppa su 1 600mq di esposizione con oltre 100 sculture per un totale di più di un milione di pezzi LEGO

Già questa cifra, mi è difficile da immaginare!

Lo studio dell’artista

La prima area della mostra è chiamata “Lo studio dell’artista” ed ha lo scopo di ricreare che cosa si proverebbe ad entrare nella casa di Nathan Sawaya.

Apples
Apples
Apples

La prima mela creata è stata quella sulla destra, delle stesse dimensioni di una mela reale. Successivamente, è stata realizzata quella grande su modello della piccola.

Think
Think
Think – Numero di pezzi: 3 164
Piedistallo
Piedistallo
Piedistallo – numero di pezzi 3 010

L’idea alla base di quest’opera fu:

Qualcosa che viene utilizzata per presentare l’arte, può essere essa stessa arte?

La trovo un’espressione molto significativa che fa riflettere e vedere le cose da un altro punto di vista.

Globe
Globe
Globe – Numero di pezzi: 2 253
Cello
Cello
Cello – numero di pezzi: 7 695
Blue Guy Sitting
Blue Guy Sitting
Blue Guy Sitting – Numero di pezzi: 21 682

Una delle opere più d’effetto della mostra!

Rappresenta una persona cara all’artista e la parte più impegnativa della costruzione fu la gamba accavallata.

Yellow
Yellow
Yellow – numero di pezzi: 11 014

Ed ecco l’opera più famosa dell’artista ed anche simbolo della sua mostra.

Quest’opera significa:

L’apertura di se stessi al mondo.

Fa riflettere gli adulti e divertire i bambini, quindi è un’opera a 360 gradi.

Una curiosità: la maggior parte delle opere sono cave all’interno per due motivi: i mattoncini LEGO riescono a stare compatti comunque e la statua, se fosse piena, sarebbe troppo pesante per essere trasportata.

Partenone
Partenone
Partenone – Numero di pezzi: 30 201

Sicuramente, una delle più belle opere della mostra: una riproduzione fedele del Partenone di Atene.

Ti farà restare a bocca aperta!

Il Bacio
Il Bacio
Il Bacio – Numero di pezzi: 13 893

Una delle sculture che mi ha più impressionato!

Il quadro originale è di Gustav Klimt è già quello è veramente spettacolare. In versione LEGO è meraviglioso.

Augusto
Augusto
Augusto – Numero di pezzi: 22 300
David di Michelangelo
David di Michelangelo
David di Michelangelo – Numero di pezzi: 16 349

L’opera è in scala 1:2 rispetto all’originale perché, altrimenti, sarebbe stata troppo grande.

Venere di Milo
Venere di Milo
Venere di Milo – Numero di pezzi: 18 483
Gioconda
Gioconda
Gioconda – numero di pezzi: 4 573

Una riproduzione dell’opera d’arte più famosa al Mondo. L’artista l’ha reinterpretata in modalità pixel e, devo dire, che è di grande impatto.

Soffitto della Cappella Sistina
Soffitto della Cappella Sistina
Soffitto della Cappella Sistina – Numero di pezzi: 1 948

Questo particolare del soffitto della Cappella Sistina è in scala 1:1 rispetto all’originale. 

Wow, è veramente fantastico!

San Giorgio Maggiore al Crepuscolo
San Giorgio Maggiore al Crepuscolo
San Giorgio Maggiore al Crepuscolo – Numero di pezzi: 3 708

Una delle opere più belle dell’artista Claude Monet!

Notte Stellata
Notte Stellata
Notte Stellata – Numero di pezzi: 3 493

Uno dei dipinti più famosi di Vincent Van Gogh!

La ragazza con l’orecchino di perla
La ragazza con l'orecchino di perla
La ragazza con l’orecchino di perla – Numero di pezzi: 1 694
Arrangiamento in Grigio e Nero Numero 1
Arrangiamento in Grigio e Nero Numero 1
Arrangiamento in Grigio e Nero Numero 1 – Numero di pezzi: 15 283

In quest’opera vi è un evidente effetto tridimensionale e per la sua realizzazione l’artista dovette effettuare numerose ricerche, in quanto nel quadro reale la donna è rappresentata solamente di profilo.

Nuova Armonia
Nuova Armonia
Nuova Armonia – Numero di pezzi: 4 665
Il Cavallo Cinese
Il Cavallo Cinese
Il Cavallo Cinese – Numero di pezzi: 1 790

Si tratta di un’incisione rupestre che fu ritrovata nelle grotte di Lascaux. Questa grotta presenta ben 7 sale e circa 364 cavalli dipinti.

American Gothic

 

American Gothic
American Gothic – Numero di pezzi: 8 303

Quest’opera rappresenta un dipinto di Grant Wood. Si tratta di una coppia di contadini di fronte ad una fattoria, precisamente di un padre e della figlia.

L’Urlo
L'Urlo
L’Urlo – Numero di pezzi: 3 991

Un’altra opera famosa in tutto il Mondo in versione LEGO.

Sicuramente l’avrai già riconosciuta: L’Urlo di Edvard Munch.

Il Buddha Seduto
Il Buddha Seduto
Il Buddha Seduto – Numero di pezzi: 2 333

Questa raffigurazione del Buddha è molto diffusa tra le opere buddhista thailandesi e simboleggia la vittoria del dio contro la distrazione data dal demone Mara.

Ritratto dei coniugi Arnolfini
Ritratto dei coniugi Arnolfini
Ritratto dei coniugi Arnolfini – Numero di pezzi: 7 023
Andrea Modigliani, La Testa
Andrea Modigliani, La Testa
Andrea Modigliani, La Testa – Numero di pezzi: 2 459
Ballerina di 14 anni
Ballerina di 14 anni
Ballerina di 14 anni – Numero di pezzi: 7 100

E’ la riproduzione di una scultura di Degas che ha rappresentato il balletto in molte sue opere.

Il Discobolo
Il Discobolo
Il Discobolo – Numero di pezzi: 5 821
La Grande Sfinge di Ginza
La Grande Sfinge di Ginza
La Grande Sfinge di Ginza – Numero di pezzi: 2 604
Loto con Rondine
Loto con Rondine
Loto con Rondine – Numero di pezzi: 2 730
L’Arazzo di Bayeux
L'Arazzo di Bayeux
L’Arazzo di Bayeux – Numero di pezzi: 870

Si tratta solamente di una parte perché l’arazzo originale è lungo ben 70 metri!

No, in una mostra non ci sarebbe proprio stato 😉

La Grande Onda di Kanagawa
La Grande Onda di Kanagawa
La Grande Onda di Kanagawa – Numero di pezzi: 2 877

Un dipinto di un famoso artista giapponese che adoro!

Questa sta davvero risvegliando la mia vena artistica!

Ritratti

Warhol
Warhol
Warhol – Numero di pezzi: 1 657
Courtney Gold And Black
Courtney Gold And Black
Courtney Gold And Black – Numero di pezzi: 1 032

Courtney è la moglie dell’artista e, per questo, è una figura sempre presente nelle sue mostre.

Courtney Red
Courtney Red
Courtney Red – Numero di pezzi: 1 217
Mickey Gold
Mickey Gold
Mickey Gold – Numero di pezzi: 1 228

Qui tutti i bambini impazziranno: ecco Mickey Mouse in versione LEGO!

Sing
Sing
Sing – Numero di pezzi: 8 189
Swimmer
Swimmer
Swimmer – Numero di pezzi: 10 980

The Human Condition

Quest’area della mostra raggruppa tutte le opere incentrate sul tema della metamorfosi.

Loves Me Not
Loves Me Not
Loves Me Not – Numero di pezzi: 10 213
Green Torso
Green Torso
Green Torso – Numero di pezzi: 8 990
Ascension
Ascension
Ascension – Numero di pezzi: 7 124
Mask
Mask
Mask – Numero di pezzi: 18 509

Lo scopo dell’opera è rappresentare le diverse maschere che ogni uomo indossa a seconda delle situazioni che sta vivendo.

Un’altra scultura che fa molto riflettere sulla vita e sul nostro modo di essere.

My Boy
My Boy
My Boy – Numero di pezzi: 22 590
Gray
Gray
Gray – Numero di pezzi: 23 678

Rappresenta una persona che esce da una scatola lacerandola. Quest’ultima è metaforicamente una prigione in cui l’artista si sentiva intrappolato nella sua vecchia vita d’avvocato.

Hands
Hands
Hands – Numero di pezzi: 15 161

Rappresenta il peggior incubo dell’artista: perdere le mani. Se le perdesse, non potrebbe più creare le sue fantastiche opere!

Human Expression

Una parte della mostra interamente dedicata all’espressione del corpo umano.

Everlasting
Everlasting
Everlasting – Numero di pezzi: 10 584

Con quest’opera l’artista ha cercare di esplorare nuovi tipi di corporatura unita alla scoperta del sentimento dell’amore.

Un bellissimo accostamento che riproduce appieno il mondo reale!

Peace Symbol
Peace Symbol
Peace Symbol – Numero di pezzi: 910 – 2 198

Questa importante opera è stata realizzata con i mattoncini riciclati che i genitori donarono all’artista prima di gettarli in discarica.

Nathan non si mise a dividerli per colore e decise di utilizzarli per realizzare queste opere. Inoltre, alcuni mattoncini non sono perfetti, sono leggermente ammaccati, simbolo dell’usura che hanno subita passando nelle mani dei bambini.

Credo che questa scultura rappresenti appieno il concetto di pace: le migliaia di colori rappresentano la moltitudine di persone nel Mondo, inoltre, sono state create usando degli ex-giochi per bambini.

Che grandi riflessioni!

Red Facemask
Red Facemask
Red Facemask – Numero di pezzi: 9 240

E’ un autoritratto dell’artista.

Kissing
Kissing
Kissing – Numero di pezzi: 2 170

Quest’opera simboleggia l’importanza del bacio nell’amore.

Skulls
Skulls
Skulls – Numero di pezzi: 3 111

Si tratta di 4 teschi con colori vivaci. L’artista decide di giocare tra i colori vivaci e la morte. Un’idea alquanto originale!

Dinosauri
Dinosauri
Dinosauri – Numero di pezzi: 80 020

Il numero di pezzi di questa scultura è veramente impressionante: più di 80 000! Wow!

Se non ci fai caso, sembra realmente uno scheletro di un Tirannosauro!

Altre opere

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ed alla fine della mostra è presente un’opera veramente spettacolare: un vestito rosso interamente di LEGO. 

Mi ha lasciato a bocca aperta! Tu che ne pensi?Red Dress Fronte

Red Dress Retro

Come raggiungere The Art of The Brick ed altre info

The Art of The Brick si tiene alla Fabbrica del Vapore di Milano. Si trova in Via Procaccini, 4.

Purtroppo in zona non ci sono molti parcheggi, quindi il mio consiglio è di raggiungerla utilizzando i mezzi pubblici.

A pochi passi è presente la fermata della nuova linea 5 (lilla) della metropolitana milanese di Monumentale. Da lì in meno di 5 minuti si raggiunge l’ingresso.

In alternativa, si possono utilizzare i tram 10 – 12- 14, fermata Cimitero Monumentale/Via Bramante od alla stessa fermata il bus 155.

Per i più sportivi che vogliono recarsi alla mostra utilizzando il servizio di BikeMi, la stazione più vicina è la numero 189 (Procaccini – Cimitero Monumentale).

The Art of The Brick è stata prorogata fino al 5 febbraio ed è aperta:

  • dal Lunedì al Mercoledì dalle 10 alle 20;
  • Giovedì dalle 10 alle 23;
  • Venerdì dalle 10 alle 20;
  • Sabato dalle 10 alle 23;
  • Domenica dalle 10 alle 21.

L’ultimo ingresso consentito è 1 ora prima della chiusura. 

Esistono varie tipologie di biglietti:

  • intero 16 euro;
  • ridotto (over 65 – studenti 14-26 anni – disabili) 14 euro;
  • bambini 4-13 anni 12 euro;
  • bambini sotto i 4 anni gratuito.

Personalmente, essendo studentessa universitaria, ho usufruito dell’ingresso studenti e alla biglietteria mi hanno richiesto un tesserino dell’università. Quindi, ricordati di portarlo!

Ci sono, anche, dei biglietti creati apposta per le famiglie:

  • 2 adulti + 1 bambino o 1 adulto + 3 bambini 46 euro;
  • 2 adulti + 3 bambini 52,50 euro.

Puoi acquistare i biglietti direttamente alla mostra, ma ti consiglio di recarti veramente presto perché si formano delle code veramente lunghe.

Io sono arrivata verso le 13.30 ed ho dovuto attendere per circa 20 minuti. Quando sono uscita, per le 16.30, la coda era diventata 10 volte più lunga!

In alternativa, potresti acquistare i biglietti online su TicketOne. Dovrai, però, aggiungere una prevendita di 2 euro.

barra aereoNon dimenticare di iscriverti alla newsletter e di mettere Mi Piace alla pagina Facebook di Viaggiando A Testa Alta per restare aggiornato su tutti i miei prossimi articoli e spostamenti.

Kiss Kiss,

Cassandra

#ViaggiandoATestaAlta

Condividi su...Share on Facebook1Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *