Teide: sulla cima dell’isola di Tenerife

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest2
Email this to someonePrint this page

Una bellissima mattinata passata sul Teide, il vulcano attivo dell’isola di Tenerife e montagna più alta della Spagna.

Come raggiungere il Teide da Playa de Las Americas?

La strada più corta e più suggestiva per raggiungere la cima del Teide è quella attraverso le città di Arona e Villaflor. Fai attenzione, soprattutto prima del punto più in alto, perchè ci sono  molti tornanti e la strada si restringe.

Ti consiglio, inoltre, la prima volta di percorrerla durante il giorno, in quanto di notte, non conoscendola, potrebbe essere abbastanza pericoloso. Non ci sono lampioni ed illuminazione artificiale.

La strada verso la cima dell’isola di Tenerife

Durante il tragitto verso il punto più alto dell’isola di Tenerife vedrai mutare notevolmente il paesaggio. Ci sono diversi punti di interesse e mirador.

I primi che incontrerai sono due famosi pini canari: il Pino Gordo ed il Pino De Las Dos Pernadas.

Pino Gordo
Pino Gordo
Nome scientifico Pinus canariensis
Nome popolare Pino Gordo
Altezza 45,12 metri
Larghezza massima 3,16 metri
Larghezza minima 3,10 metri
Pino de las Dos Pernadas
Pino de las Dos Pernadas
Nome scientifico Pinus canariensis
Nome popolare Pino de las dos pernadas
Altezza 56,03 metri
Larghezza massima 2,78 metri
Larghezza minima 2,68 metri

Sono due alberi veramente maestosi che riescono a trasmettere la fantastica storia delle isole Canarie.

Corteccia Pino Gordo
Corteccia Pino Gordo

Man mano che salirai verso la cima del vulcano, il paesaggio si farà sempre più lunare, fino ad arrivare all’ingresso del Parco Nazionale del Teide.

A quel punto, inizia lo spettacolo.

La storia del Teide

Molto tempo fa le continue eruzioni avevano formato un cono vulcanico alto circa 5 000 metri. I

n seguito, un’eruzione esplosiva distrusse la parte superiore creando la catena della Cañada e crollando verso Nord.

I detriti di questo evento allungarono l’isola di Tenerife creando l’attuale conformazione.

La leggenda dei Guanci

La parola Teide deriva da Echeyde che significava inferno nella lingua dei Guanci.

Questo antico popolo, primo abitante delle isole Canarie, infatti, vedevano nel monte l’aldilà.

Vi è una leggenda secondo cui Guayota, dio del male, rapì Magec, dio del sole e della luce, portandolo con sè all’interno della grande montagna e, dopo le preghiere dei Guanci al dio supremo Achaman, venne liberato ed il vulcano fu coperto con del pan di zucchero, intrappolando all’interno il diavolo.

Lava del Teide
Lava del Teide

Le eruzioni passate

Il Teide attualmente è alto 3718 metri s.l.m.

Se consideriamo, anche, la parte sottomarina, arriviamo a circa 7 000 metri.

E’ la cima più alta dell’Oceano Atlantico ed il terzo vulcano più grande al Mondo.

Ai primi posti ci sono il Mauna Loa ed il Mauna Kea delle isole Hawaii.

Nei dintorni del cratere più alto sono presenti delle fumarole, ciò testimonia l’attività, ancora in corso, del vulcano. Molti studiosi presumono che la prossima eruzione sarà molto violenta e distruttiva a causa della sua ben consolidata struttura.

Si tratta di un vulcano molto simile alla conformazione dell’Etna e del Vesuvio.

Queste sono le eruzioni avvenute nel corso degli anni:

  • 1492, Cristoforo Colombo mentre transitava a Tenerife durante il suo viaggio verso l’America scrisse: “Mentre stavamo passando Tenerife, abbiamo potuto osservare l’eruzione del vulcano. Il fumo e le fiamme, le masse di lava incandescente, il cupo frastuono proveniente dall’interno della terra infusero paura e terrore nell’equipaggio”;
  • 1704 – 1705, eruzione di grandi dimensioni in diversi punti dell’isola (Siete Fuente, Fasnia, Montaña de Las Arenas);
  • 1706, eruzione sulla Montaña Negra, venne distrutta la città di Garachico;
  • 1798, eruzione sul lato meridionale del Pico Viejo;
  • 1909, eruzione sulla Montaña del Chinyero.

I sentieri

Nel Parco Nazionale del Teide sono presenti una miriade di sentieri, da quello di 1 ora e mezza fino ad, addirittura 8 ore di cammino!

Qui puoi trovare una mappa di tutti quelli presenti nell’isola di Tenerife.

Sentieri sul Teide
Sentieri sul Teide

Secondo me, il più interessante è quello che parte dalla Montaña Blanca (1 367 m s.l.m.) ed arriva fino alla cima del Teide (3 718 m s.l.m.). Si tratta di un sentiero di elevata difficoltà, a causa del grande dislivello da affrontare, ma arrivare in cima alla montagna più alta di Spagna, senza prendere la funivia, deve essere un’esperienza pazzesca. Questa volta non ne ho avuto il tempo, ma l’ho inserita nelle attività da fare nella prossima vacanza (vedi l’articolo Tenerife Tips). La parte che mi spaventa di più è il tempo necessario per percorrerlo interamente: 6 ore. Sarà dura, ma voglio farcela!

La funivia per raggiungere i 3400 metri

Il punto più alto a cui puoi arrivare con i mezzi di trasporto è la partenza della funivia, cioè 2 356 m s.l.m. Questa grande opera ti porterà fino a 3 555 m s.l.m.

Per recarsi fino al punto più alto del vulcano (3 718 m s.l.m.), chiamato La Rambleta, è necessario richiedere online un permesso speciale valido solamente in una data predeterminata al momento della prenotazione.

Il sito è il seguente http://www.reservasparquesnacionales.es/ .

Ricordati di riservare il tuo permesso con largo anticipo: ad Agosto era già tutto prenotato fino ad Ottobre!

Attenzione: accedere al cratere è assolutamente vietato, quindi ricordati di tenerti strettamente sui sentieri segnalati (quello in questione si chiama Telesforo Bravo).

Se, invece, vuoi solo goderti il panorama dall’alto: la stazione di arrivo della funivia dispone di un bar e di un ristorante-buffet in cui potrai pranzare o rilassarti.

La funivia è aperta dalle 9 alle 16 durante l’inverno e dalle 9 alle 17 d’estate.

Per non dover affrontare interminabili code, ti consiglio di arrivare alla stazione di partenza prima dell’orario di apertura.

Ci sono passata verso mezzogiorno e vi erano macchine parcheggiate a diversi chilometri di distanza dalla partenza. Chissà che coda c’era per salire!!

Il biglietto può essere acquistato online al seguente sito (VolcanoTeide) oppure in uno dei tanti uffici dedicati alle escursioni. In alcuni hotel è anche possibile acquistarlo direttamente in reception.

Il costo ammonta a 27€ per andata e ritorno, 13,50€ per i bambini dai 3 ai 13 anni. Non è economico, ma una volta ne vale la pena!

I punti informazione

Cartina Parco Nazionale del Teide
Cartina Parco Nazionale del Teide (Fonte: http://www.magrama.gob.es/es/red-parques-nacionales/nuestros-parques/teide/pnteideespanol2015_tcm7-288549.pdf)

Questa è la cartina che potrai ricevere in ognuno dei 3 punti informazione presenti nel Parco Nazionale del Teide. Ho evidenziato in giallo dove si trovano.

In verde sono le strade presenti nel parco ed in rosso i sentieri.

Nel Centro Informazioni situato a El Portillo è presente un Museo dedicato alla storia del vulcano, con un particolare ed interessante video. Attenzione: è presente anche in lingua italiana!

Attenzione: i centri informazione sono aperti dalle 9 alle 16 con chiusura il 25 dicembre ed il 1 gennaio.

Strada sul Teide
Strada sul Teide

I punti di interesse nel Parco Nazionale del Teide

Lungo la strada panoramica che percorre tutto il Parco Nazionale del Teide vi sono diversi punti di interesse.

Il primo che incontrerai è posto al fianco del primo Centro Informazioni provenendo da Playa de Las Americas.

Sulla cima del Teide
Sulla cima del Teide

Qui vi è una stupenda passeggiata che costeggia una delle più recenti colate vulcaniche (1798).

Devi assolutamente fermarti e fare quattro passi. Riuscirai a vedere da vicino la brutale forza di questo splendido gigante!

Colata lavica
Colata lavica

Il secondo punto sono Los Roques de Garcia: delle straordinarie conformazioni di roccia vulcanica. Qui potrai scattare delle stupende fotografie!

Los Roques De Garcia
Los Roques De Garcia

Proseguendo lungo la strada incontrerai il piazzale da cui parte la funivia, numerose colate laviche ed infine la Montaña Blanca e la Montaña Rajada.  

Un deserto di sabbia bianca alle pendici del Teide!

Montaña Rajada
Montaña Rajada

Il simbolo del Parco Nazionale del Teide

All’interno del Parco Nazionale del Teide, nonostante sembri un luogo di morte e distruzione, vivono numerose specie di flora e di fauna.

Il simbolo del parco sono dei particolari fuori allungati verso l’alto, chiamati Los Tajinastes Rojos.

Purtroppo, Agosto non era il periodo migliore per ammirarli, ma sono riuscita, comunque, a scattare questa bella foto. Che ne pensi?

Los Tajinastes Rojos Siamo già arrivati all’ora di pranzo, è tempo di salutarci e tornare in hotel a riposarci dopo aver scalato più di 2 000 metri.

Pranzo sul Teide Se ti è piaciuto l’articolo condividilo sui social e, se hai bisogno di qualsiasi altra informazione, non esitare a contattarmi. Ricordati di mettere Mi Piace alla pagina Facebook di Viaggiando A Testa Alta per non perdere nessuno dei miei articoli.

Se vuoi essere aggiornato in anteprime sui prossimi viaggi puoi anche iscriverti alla newsletter. Trovi il form nella barra laterale.

Kiss Kiss,

Cassandra

#Viaggiando A Testa Alta

Follow my blog with Bloglovin

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest2
Email this to someonePrint this page

16 Replies to “Teide: sulla cima dell’isola di Tenerife”

  1. I sentieri e le pietre vulcaniche sono incredibilmente affascinanti! Anche la vegetazione sempre essere fatta da piante sconosciute alle nostre latitudini! Articolo utilissimo (e vabbé, per non parlare della wanderlust che mi hai rimesso addosso…)

  2. Una delle mie amiche ci è stata, ha detto che salire fin sulla vetta del Teide è stata una delle esperienze più belle ed avventurose della sua vita! Un giorno vorrei provarci anch’io! Grazie per questo articolo davvero interessante e molto utile!

  3. 3718 metri di altezza sono tantissimi! Sono stata alle Azzorre per ammirare le meraviglie dei vulcani ma questo mi sembra ancora più incredibile…Grazie per aver condiviso delle foto così belle oltretutto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *