Cosa vedere a Miami? Storia e divertimento

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

Cosa vedere a Miami? Beh, la prima risposta è sicuramente: “Tanto!”.

Ho visitato Miami solamente in 3 giorni, quindi molte attrazioni le ho viste solamente di sfuggita e sicuramente c’è molto altro da ammirare.

L’origine del nome Miami

Il nome Miami è un nome di origine indios.

Si pronuncia Mì-ami. Questa parola significa “il fiume con acqua dolce”.

Il fiume passa ancora oggi per le vie della città vecchia.

La città vecchia è caratterizzata da edifici molto bassi che furono costruiti per resistere ai frequenti uragani della stagione estiva.

Il fiume, purtroppo, venne utilizzato in passato per il narcotraffico. I trafficanti entravano dall’oceano, dove si fermavano le grandi navi, passando per questo fiume ed arrivando nel centro della città.

Circa 50 anni fa, la CIA arrivò a Miami per confiscare milioni di dollari di droga di Pablo Escobar e Manuel Noriega.

Pablo Escobar era un criminale colombiano ed è il più noto trafficante di cocaina di sempre. Manuel Noriega era il dittatore di Panama.

South Beach e l’Art Déco

Come già accennato nell’articolo sull’Art Déco, una delle attrazioni principali di South Beach sono gli edifici in questo particolare stile francese degli anni ’20.

South Beach è sicuramente il centro turistico più importante di Miami, con la sua Ocean Drive su cui sono stati girati numerosi film.

Ocean Drive
Ocean Drive, South Beach

Miami Beach

La spiaggia è sicuramente uno dei luoghi principali per cui hai voluto salire su un aereo e stare seduto per 11 ore. Che dire…

E’ fantastica, proprio come la vedi nei film.

Miami Beach
Miami Beach

Una lunghissima distesa di sabbia bianca, sullo sfondo gli altissimi grattacieli di Downtown e le famose casette di legno dei bagnini:

Miami Beach
Miami Beach

Non possono poi, mancare, naturalmente, i surfisti.

Se vuoi provare, fai attenzione perchè le onde qui sono veramente alte e violente.

Surf a Miami Beach
Surf a Miami Beach

Collins Avenue

La famosa Collins Avenue di South Beach è in memoria del ricco multi-milionario, Collins, che contribuì allo sviluppo dell’area.

Collins Avenue, South Beach
Collins Avenue, South Beach

La città di Miami iniziò il suo sviluppo grazie ai milionari del nord, del Canada e degli Stati Uniti, che si recavano in questa terra per sfuggire al grande freddo.

Per questo la chiamarono: il Paradiso.

Nel 1880 la Florida era completamente paludosa e non vi erano città.

Solo i milionari riuscivano a raggiungerla perché in quegli anni non c’erano aerei, treni, automobili e sono chi possedeva i cavalli, con relative carrozze, riusciva a percorrere lunghe distanze.

Momento migliore per effettuare il Miami Tour: Sabato e Domenica. Non c’è traffico, le scuole sono chiuse, alcuni non lavorano, quindi la guida riesce a mostrarti meglio i palazzi ed i luoghi della storia di Miami

Lincoln Road

Lincoln Road è un’intera via dedicata allo shopping.

Qui, potrai trovare qualsiasi negozio ti venga in mente: Starbucks, H&M, Victoria’s Secret ed il famoso Apple Store.

Venetian Causeway e le Venetian Islands

La parte più antica della città si trova nell’entroterra.  

Nel 1880 non esistevano ponti che collegavano l’isola di South Beach con la terra ferma.

Nel 1913 venne costruito il primo ponte grazie al signor Collins che venne, in seguito, utilizzato per trasportare il materiale utilizzato per la costruzione del Déco District.

Il primo ponte costruito, è l’attuale Venetian Causeway. Da un lato è presente il grande porto di Miami, punto di attracco delle immense navi da crociera, dall’altra parte potrai vedere numerose isolette. Su di esse hanno dimora i principali personaggi famosi, come Jennifer Lopez, Julio Iglesias, la famiglia Bayern.

Ogni villa che vedrai è immensa ed ha il suo molo privato annesso con relativo yacht. Ci sono anche ville di persone che sono ricche, ma non famose, come il proprietario della Coca Cola. Personaggi di questo tipo, sono chiamati, i milionari incogniti.

Queste grandi case le puoi ammirare solamente da lontano dal ponte, oppure tramite un tour in barca. Questo perché alla fine dei piccoli ponti che collegano le isolette al Venetian Causeway è presente un blocco della polizia e puoi entrare solo se sei residente oppure sei stato invitato.

Fino al 1926, anno in cui Al Capone cambiò il nome in Venetian Causeway, il ponte era conosciuto come Collins Bridge.

Le isole, inoltre, si chiamano Venetian Islands ed hanno gli stessi nomi di Venezia: San Marco Island, San Marino Island, Di Lido Island, Rivo Alto Island.

Wynwood ed il Jacson Memorial Hospital

Alla fine del Venetian Causeway potrai vedere la Concert Hall e l’Opera di Miami.

Hanno un’architettura rara ed un’acustica fantastica.

 Knight Concert Hall, Miami
Knight Concert Hall, Miami

Entrerai anche in Wynwood, un quartiere di Miami, in cui si è diffuso qualche tempo fa, il virus Zika.

A Little Haiti parlano una lingua particolare, il francese mischiato con la lingua locale.

Passerai di fianco al Jackson Memorial Hospital, un enorme ospedale di circa 40 edifici.

Qui qualche tempo fa eseguirono un delicato intervento: separarono la testa a due gemelli del Guatemala, nati uniti.

Key Biscayne

Key Biscayne è un’isola, la prima isola sulla strada per Key West.

Su quest’isola filmarono il film Flipper, il delfino.

In quest’isola, inoltre, ogni anno a Marzo si gioca il torneo Internazionale di Tennis di Sony Ericsson per assegnare il titolo mondiale.

Ad esempio, Serena Williams, campionessa di Wimbledon, sarà qui il prossimo anno per aggiudicarsi il titolo.

Key Biscayne
Key Biscayne

Su questa isola, ha una casa l’ex presidente Richard Nixon ed Andy Garcia vive permanentemente qui. Donald Trump ha in quest’area un palazzo con 55 camere.

Vizcaya Palace

Vizcaya Palace è un enorme palazzo situato nella zona meridionale di Miami, dove numerosi personaggi famosi hanno soggiornato.

È immerso in un enorme parco che ricrea la giungla dell’antica Florida.

Fu costruito in stile rinascimentale, 40 camere da letto e 3 enormi cucine. Vizcaya Palace Nei giardini è presente la statua di Juan Ponce de Leòn.

Cristoforo Colombo scoprì l’America per conto della regina spagnola nel 1492. Colombo inviò un messaggio alla regina dicendo che in questa regione c’erano oro ed altri metalli preziosi che non esistevano in Europa.

Così, lei inviò Juan Ponce de Leòn per conquistarla.

I primi conquistatori arrivarono a Saint Augustine, nel nord della Florida, molto vicino a Cape Canaveral. Gli spagnoli conquistarono gran parte del Continente, tranne il Brasile, conquistato dal Portogallo, ed il Canada, dalla Francia.

Quando gli Inglesi arrivarono, circa 80 anni dopo, la città di New York era chiamata New Amsterdam. Era governata dall’Olanda e parlavano olandese. Gli inglesi, in seguito, l’ottennero offrendo in cambio denaro e terre e cambiarono il nome in New York.

Le terre come Florida, Messico, Texas, California, erano tutte sotto il potere del Messico. In seguito, vennero vendute agli Stati Uniti. Lo stesso per le Hawaii dal Giappone e l’Alaska dalla Russia.

Coconut Grove

Nei dintorni di Miami ci sono molti europei che hanno comprato casa, sfruttando il cambio molto favorevole di circa 3 anni fa. Un euro valeva circa 1,50 dollari.

Così quando compravano una casa del valore di 10 milioni e trasferivano 10 milioni, la banca li cambiava in 15 milioni. Un profitto di ben 5 milioni (metà del valore della casa).

In Florida non c’è inverno. Anche se piove, non fa freddo e puoi sempre andare in spiaggia.

Questo è uno dei principali motivi per cui molte persone hanno comprato proprietà in questo luogo.

Quest’area si chiama Coconut Grove. Ci sono molto tedeschi, inglesi, italiani, francesi.

Coconut Grove
Coconut Grove

Qui si trova la vecchia sede della Pan American Airlines. Iniziarono con la linea Miami – L’Avana, Cuba per portare i milionari nel famoso casinò dell’isola.

Pan American Airlines
La vecchia sede della Pan American Airlines

Coconut Grove si trova a 20 minuti da Cocoplum, l’area più ricca di Miami.

Qui, il principe Carlo possiede un cottage. Il principe possiede due proprietà a Miami perché il tempo è perfetto per giocare a polo.

Cocowalk è il centro di Coconut Grove. Una via molto simile a quelle europee. C’è, ad esempio, un ristorante francese. Coconut Grove, Cocoplum, Cocowalk… Tutto si riferisce al cocco.

Questo perché prima delle case e delle città, in quest’area erano ovunque le palme ed i cocchi.

Little Bahamas

La prima comunità nera della Florida meridionale arrivò alla fine del 1880 dalle Bahamas. Parteciparono alla costruzione della maggior parte degli edifici e dei palazzi dei milionari.

Vi è un quartiere chiamato Little Bahamas, dove vivono attualmente alcuni discendenti di queste persone. Al suo interno è possibile ammirare delle tipiche case bahamiame.

Casa in stile bahamiano, Little Bahamas, Miami
Casa in stile bahamiano, Little Bahamas, Miami

In quest’area parlano l’inglese britannico mischiato alla lingua nativa delle isole Bahamas perché queste isole erano delle colonie inglesi. Costruirono numerose chiese, ognuna di una religione diversa.

Quest’area durante il giorno è abbastanza sicura, ma di notte diventa abbastanza pericoloso. Gira molta droga. È una delle aree più antiche della città.

È, anche possibile vedere il cimitero dove è stato girato il video della canzone Thriller di Michael Jackson.

Cimitero del video di Thriller
Cimitero del video di Thriller

US 1 : la strada più lunga del Mondo

Miami fu fondata ufficialmente nel 1896 ed è una delle città più giovane dell’America.

Per Miami passa la strada US1, la prima strada costruita negli Stati Uniti, conosciuta come Pan American Highway.

Inizia nel nord dell’Alaska, con gli anni si è estesa ed oggi attraversa il continente fino al Cile ed Argentina. Da qui prese il nome la Pan American Airlines. Si tratta della strada più lunga del Mondo (25 750 km).

Mappa primo tratto US1
Mappa primo tratto US1
Pan American Highway
Pan American Highway

The Collection è un particolare concessionario di automobili. Ad ogni finestra potrai vedere una macchina diversa. Naturalmente, si tratta di auto di lusso, come Rolls Royce, Lamborghini, Ferrari etc.

Si tratta del concessionario più grande del Mondo.

Il concessionario The Collection
Il concessionario The Collection

Biltmore Hotel

Nei dintorni del famoso Biltmore Hotel venne filmato Tarzan. Alcune scene, in particolare, vennero girate nella sua immensa piscina.

Nel 1940 l’hotel era talmente famoso che anche il re e la regina di Inghilterra vi soggiornarono per 15 giorni per vedere come registravano i film e conoscere personalmente gli attori.

Biltmore Hotel
Biltmore Hotel

Nei dintorni dell’hotel ci sono dei particolari alberi: le liane utilizzate nel film di Tarzan.

Nel film si dice che esse sono africane, in realtà non esistono in Africa. Sono originari dell’India e li possiamo trovare in Australia, alle Hawaii e qui. Si chiamano Banyan, Albero dei Desideri.

Liane del film Tarzan
Liane del film Tarzan

L’hotel non ha nessuna insegna all’esterno ed è costruita in stile marocchino – mediterraneo. Ha 275 camere, campo da golf e 18 campi da tennis.

Henry Morrison Flagler nel 1880 era l’uomo più ricco del Mondo, era il proprietario della Standard Oil. Quando si mise in partnership con Rockfeller, la compagnia cambiò il nome in Esso. Flagler voleva fare molto per lo sviluppo della Florida. Così Flagler costruì una ferrovia da New York a Key West. Key West, a quell’epoca, era il porto principale della Florida.

Il secondo nome della Florida: Fonte della Giovinezza Ponce De Léon diede due nomi a questa terra: Fonte della Giovinezza e Florida.

La fontana qui sotto fu commissionata dal re di Spagna per la città di Seviglia e fu replicata qui per non far dimenticare agli abitanti del luogo il secondo nome del loro Paese.

L’originale è ancora oggi presente nella città spagnola.

Fontana della Giovinezza
Fontana della Giovinezza

Questo luogo è la rocca che possiamo vedere nel film di Tarzan. Ora è chiamata Venetian Pool, è una piscina privata dei residenti dell’area.

Venetian Pool
Venetian Pool

Coral Gables

Nel quartiere di Coral Gables sono presenti molti designer provenienti da tutte le parti del Mondo.

C’è una strada chiamata Miracle Mile, come Rodeo Drive in Beverly Hills.

Ci sono due luoghi a Miami importanti per la moda: uno è questo, l’altro è chiamato Bal Harbour. Gabriela Arango, una stilista italiano che arrivò qui 25 anni fa per fare fortuna.

Oggi disegna vestiti per le star più famose, come Jennifer Lopez, Shakira. Possiede una boutique a Coral Gables.

Little Havana

A Little Havana potrai vedere delle persone giocare ad un particolare tipo di Domino.

Questo particolare gioco è chiamato Double Nine, ha 55 pezzi, invece che i classici 28.

Qui ho visitato un particolare negozio di sigari cubani. Erano presenti centinaia di tipologie diverse di sigari.

Negozio di sigari a Little Havana
Negozio di sigari a Little Havana

Questo giro della città e dei dintorni è la prima parte del tour Miami city tour with everglades airboat adventure proposto da Musement .

La seconda parte riguardo alle Everglades la pubblicherò a breve. Se vuoi sapere come è andata, non perderti i prossimi articoli. barra aereo Non dimenticare di iscriverti alla newsletter e di mettere Mi Piace alla pagina Facebook di Viaggiando A Testa Alta per restare aggiornato su tutti i miei prossimi articoli e spostamenti.

Kiss Kiss,

Cassandra

#ViaggiandoATestaAlta

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

14 Replies to “Cosa vedere a Miami? Storia e divertimento”

  1. Allora con il :”in Florida non esiste l’inverno” mi avevi gia convinto!ahahah! A parte gli scherzi nei miei sogni c’è il continente americano…io sono appassionata di cinema,perciò quando mi dici che le liane dell hotel Baltimore sono state utilizzatr per il film Tarzan o quandoquandodell parli dell isola dove venne girato flipper io impazzisco! Per non parlare della Pan American Highway…io che amo i viaggio on the road ce l’ho sulla mia lista…per forza! 🙂 ma come dici tu,c’è cosi tanto da vedere che è un viaggio che va pensato e organizzato con un po’ di criterio,percio per il momento devo lasciarlo ancora un po’ nel cassetto!

  2. Sono appena tornata da un viaggio on the road in Florida e mi ha entusiasmata da morire! Mi è piaciuta tantissimo, soprattutto la mescolanza con Cuba che gli dà un certo fascino intrigante! A Miami ho avuto solo due giorno e ho cercato di sfruttarli al massimo, prima o poi ci dovrò tornare 🙂

  3. Non conoscevo così a fondo Miami e la sua storia…è una di quelle mete che mi affascina molto e mi piacerebbe noleggiare un auto e arrivare fino a Key West. Grazie per il tuo racconto di viaggio!!! A presto!!!

  4. Io come ti avevo detto Miami non l’avevo proprio amata, ma l’ho vista proprio velocemente, senza nessuna organizzazione. Con questo tuo articolo non ho perso la testa per Miami perché c’è comunque qualcosa di lei che non fa per me e ci sono altre parti della Florida che mi sono piaciute molto di più, però di sicuro mi hai fatto ricredere su molte cose! Grazie 🙂

    1. Agnese mi fa piacere che l’articolo ti sia stato utile. Certo la Florida è molto grande e, sicuramente, ci saranno dei luoghi migliori di Miami. Spero, quindi, in un prossimo viaggio di visitarli e di fare un bel confronto 😉

  5. Bellissimo il tuo articolo. Quante cose che ci sono da vedere! Utilissimo per me perché sto programmando un viaggio in Florida con uno stop proprio a Miami. Seguirò i tuoi suggerimenti e potrò godere appiano di una città che non credevo potesse essere così interessante

  6. Cassandra, non immaginavo che Miami potesse essere tutto questo, e molto altro di sicuro che racconterà presto. Mi hai fatto venire voglia di partire! E perché no, anche di fare un on the road sulla Pan American Highway, che non conoscevo.
    Bellissimo itinerario 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *