Addio Roaming, tutto quello che c’è da sapere

Condividi su...Share on Facebook50Share on Google+1Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

Finalmente una straordinaria notizia per noi “viaggiatori – dipendenti”, da oggi, 15 Giugno 2017, possiamo dire definitivamente: “Addio Roaming!”.

Quante volte ti sarà successa una di queste situazioni: 

  • ” Non so proprio come raggiungere quel negozio! Aspetta che tiro fuori il telefono e controllo su Google Maps… Oh no, non siamo in Italia e non c’è nessuna connessione Wi-Fi! “
  • ” Questo panorama è fantastico, lo condivido subito su Instagram! … No, non c’è nessun Wi-fi libero! “
  • ” Oh no… Ho attivato per sbaglio il roaming Internet e mi ha mangiato tutto il credito della Sim! Avevo ben 30 euro! “.

Bene, da oggi, non ci saranno più queste situazioni, potrai usare i Giga inclusi nella tua offerta, come se fossi Italia.

Fantastico, vero?

Vediamo tutto quello che bisogna sapere….

Quali sono i vantaggi reali dell’eliminazione del roaming?

In pratica, potrai utilizzare il tuo telefono cellulare come se fossi in Italia, senza ulteriori costi aggiuntivi e, quindi, senza preoccupazioni.

Non dovrai più andare alla ricerca disperata di una connessione WiFi libera, sperando, una volta trovata, che poi non funzioni a lumaca.

Prima di partire, non dovrai sostenere esorbitanti costi per attivare una promozione che includa qualche misero Mega di Internet valido all’estero.

Se devi chiamare un amico, cercare le indicazioni per raggiungere un determinato luogo, postare una foto di un fantastico panorama, ti basterà tirare fuori il telefono dalla tasca e fare tutto come se fossi rimasto a casa!

Fotografare
Fotografare un paesaggio e postarlo subito: nessun problema!

Per chiamate e messaggi non vi è alcun limite, puoi usare tranquillamente quelli inclusi nella tua offerta e, se li finisci, ti verrà applicata la stessa tariffa che avresti pagato se fossi stato in Italia.

Alcune limitazioni, potrebbero riguardare la connessione dati, ciò dipende molto dalla politica del gestore. Generalmente, se nella tua offerta ha incluso qualche Giga, esso potrà essere utilizzato anche all’estero. Ti consiglio, però, per non avere alcuna sorpresa, di consultare le condizioni del gestore prima di partire.

Ecco la formula per calcolare il numero minimo di GigaByte che il tuo operatore deve offrirti senza sovrapprezzo mentre sei all’estero:

(2*(CostoTariffaSenzaIVA / 7,7) = NumeroGBinRoaming

7,7 è il costo massimo per 1 GB, questa cifra scenderà a 6 nel 2018, 4.5 nel 2019, 3.5 nel 2020, 3 nel 2021 e 2.5 nel 2022. La formula, quindi, dovrà essere adattata a seconda dell’anno.

Per calcolare il CostoTariffaSenzaIVA devi prendere il prezzo della tua offerta (es. 7€), scomporare l’IVA (attualmente pari al 22%), quindi: 7*100/122 = 5.74€ –> CostoTariffaSenzaIVA.

Vodafone, per esempio, ha inserito nelle sue condizioni: “utilizzo corretto e lecito dell’offerta. La tua presenza sul territorio nazionale dovrà essere prevalente rispetto a quella in Europa e il traffico roaming da te effettuato dovrà essere inferiore al 50% del traffico incluso nella tua offerta. “

Piccola nota dolente: il roaming gratuito viene calcolato solo sui Giga inclusi nella tua offerta base e non, anche, sulle opzioni aggiunte successivamente.

Fair use: l’unica regola per il roaming UE

Il fair use è l’unica regola che bisogna rispettare nell’utilizzo del roaming UE: passare all’estero meno tempo di quello passato nel proprio Paese di origine.

Attualmente non è stato ancora stabilito un numero massimo di giorni in cui si potrà usufruire di questo servizio. 

Nel caso in cui la condizione sopra non venga rispettata, l’operatore telefonico con cui hai stipulato il contratto per la tua SIM, potrà richiederti delle spiegazioni che dovrai fornire entro 14 giorni e, se continui ad utilizzare il roaming, il provider potrà applicarti dei supplementi.

Se devi recarti per un periodo più lungo di un paio di mesi, il mio consiglio è quello di comprare una SIM locale sul posto ed evitare di incorrere in questo spiacevole inconveniente.

Iphone
Unica regola: utilizzo consapevole!

Devo fare qualcosa per non pagare il roaming?

Per poter usufruire del roaming gratuito non devi fare nessuna azione, tutti gli operatori italiani devono applicarlo autonomamente.

Nei giorni scorsi o nei prossimi, riceverai sicuramente un SMS od un’altra comunicazione che ti informerà dell’attivazione automatica di questo servizio.

Nel malaugurato caso che ti venissero addebitati lo stesso dei supplementi, puoi rivolgerti all’autorità competente (AGCOM).

E per le chiamate verso numeri stranieri?

Da questo punto di vista, non cambierà nulla.

Se devi chiamare un numero straniero dalla tua SIM italiana, continuerai a pagare la tariffa per chiamate internazionali prevista dal tuo operatore telefonico.

smartphone
Dove si trova quel ristorante? Lo cerco subito su Internet!

In quali Paesi posso usufruire di questo servizio?

Potrai usufruire del roaming gratuito in tutti i 28 Paesi che fanno parte dell’Unione Europea: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacchia, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

Per i Paesi che fanno parte della European Economic Area, ovvero Islanda, Liechtenstein e Norvegia, il no-roaming dovrebbe essere introdotto fra qualche tempo.

Sicuramente ti starai facendo la seguente domanda: ” E il Regno Unito? Con la Brexit? “.

Per ora il procedimento di uscita dall’U.E. non si è ancora concluso, quindi la Gran Bretagna fa ancora parte, a tutti gli effetti, dell’Unione e ci vorrà ancora qualche anno prima che il processo venga completato. Dopo quest’ultimo le scelte sul roaming dipenderanno dagli accordi stabiliti.

Un’Europa interamente connessa

Finalmente l’era in cui si può viaggiare liberamente per l’Europa, senza preoccupazione per gli esorbitanti costi della linea telefonica, è arrivata.

Ho aspettato molto questo momento perchè, durante i miei viaggi, ho sempre speso  un sacco per gli abbonamenti dati extra-Italia, ho fatto delle grandi maratone alla ricerca di un Wi-fi pubblico che funzionasse e, molte volte, sono finita con il pagare la connessione in albergo (era sempre meno dei prezzi degli operatori italiani).

Ora tutte queste baraonde sono finite, almeno per i Paesi Europei. Basta avere un buon piano tariffario con un adeguato numero di Giga Byte di connessione dati ed il gioco è fatto! 😉

barra aereoNon dimenticare di iscriverti alla newsletter e di mettere Mi Piace alla pagina Facebook di Viaggiando A Testa Alta per restare aggiornato su tutti i miei prossimi articoli e spostamenti.

Kiss Kiss,

Cassandra

#ViaggiandoATestaAlta

Condividi su...Share on Facebook50Share on Google+1Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

14 Replies to “Addio Roaming, tutto quello che c’è da sapere”

  1. In Regno Unito conviene una SIM locale, navighi veloce e spendendo molto meno rispetto ad una promozione su un numero italiano. Addirittura io la usavo durante le visite in Italia prima che passasse la normativa sul roaming internazionale 😉

    1. Ciao Paola, concordo con te. Questa normativa vale solamente se fai un limitato uso di Internet. Se lo usi per lavoro od altre attività che richiedono un numero elevato di Giga, penso che sia conveniente ovunque acquistare una SIM locale. 😉

  2. Erano anni che sognavo questo momento e finalmente e’ arrivato! Per una viaggiatrice e smanettona come me si tratta di un vero e proprio sogno!! Non avevo idea del fair use, ma basta essere un po’ attenti e non credo ci siano problemi! Oleee!

  3. Da troppo tempo aspettavo questa cosa. Per noi blogger è manna dal cielo. Per quanto riguarda l’Islanda però dovrebbe già essere stato tolto il roaming. Dunque anche in questo paese si può andare tranquilli.

  4. Meno male, era ora! Io in viaggio non uso molto il wi-fi se sono in giro, se ci provo di solito è lento e quindi lascio perdere. Quindi potrò usare la connessione dati che uso in Italia, giusto? Tanto non corro il rischio di stare più all’estero che in Italia…

    1. Esatto, puoi usare la tua connessione. Devi solamente controllare le condizioni imposte dal tuo operatore. Come ho scritto nell’articolo, ad esempio, Vodafone impone che all’estero non puoi usare più della metà dei Giga che hai nel tuo piano. Per farla in parole povere: se hai 4 Giga come piano in Italia, all’estero potrai usare al massimo 2 Giga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *