Valtellina, la valle più bella della Lombardia

Nel cuore delle Alpi lombarde, al confine tra l’Italia ed il cantone svizzero dei Grigioni, è situato un luogo magico ed accogliente: la Valtellina.

Amo questa vallata da quando ero piccola. I martedì in cui mio papà diceva: “Oggi devo andare da clienti in montagna, vuoi venire con me?“. In quel momento facevo i salti di gioia perchè mi divertivo tantissimo. 🙂

Anche oggi non ho smesso di amarla e, appena riesco, ci faccio sempre un salto sia d’estate che d’inverno. E’ una meta adatta a tutte le stagioni!

La Valtellina è lunga 120 chilometri, larga circa 65 e comprende due vallate distinte: quella del fiume Adda che l’attraversa nella sua interezza e sfocia nel Lago di Como, e quella del Lira e del Mare, cioè la Valchiavenna.

Fiume Adda, Valtellina
Fiume Adda, Valtellina

Valtellina: Cosa vedere?

La Valtellina ha tantissimo da offrire, troverai sicuramente quello che più ti piace.

Sondrio è il capolouogo di provincia. Gli altri centri principali sono: Chiavenna, Morbegno, Tirano, Bormio e Livigno.

Oltre a questi centri, ci sono moltissimi borghi storici in cui potrai immergerti nel passato.

Mappa della Valtellina
Mappa della Valtellina

Castelli

Testimonianza della grande importanza storica di questa vallata, sono i numerosi castelli e torri presenti sul territorio.

I castelli mi hanno sempre affascinato ed, appena ne vedo uno, non ci penso due volte ad andare a visitarlo.

Il più bello è sicuramente Castel Grumello situato in cima ad un’altura o, appunto, “grumo”. Risale al XIII secolo ed era, presumibilmente, di proprietà della famiglia di Corrado De Piro. Venne, purtroppo, semidistrutto nel 1512.

Castel Grumello, Sondrio
Castel Grumello, Sondrio – Photo Credit: www.visitfai.it

Gli altri castelli più importanti sono: Castel Masegra, nei pressi di Sondrio e Castello Paribelli di Albosaggia.

Per quanto riguarda le torri, la più caratteristica è la Torre di Segname sulla strada dello Spluga. Essa faceva parte di un vasto sistema di avvistamento e segnalazione del IX secolo che si estendeva lungo tutta la Valtellina.

E’ una delle poche costruzioni rimaste quasi interamente intatte e per raggiungerla bisogna percorrere un bellissimo sentiero panoramico.

La Torre di Segname
La Torre di Segname

Le altre torri particolari sono: Torre delle Ore nel centro di Bormio e Torre de li Beli Miri, vicino a Teglio.

Palazzi Storici

L’importante storia della Valtellina si riflette, anche, sugli edifici. Sono presenti, infatti, numerosi palazzi storici.

Il più bello, secondo me, è Palazzo Besta di Teglio. Risale al Cinquecento , ha un cortile a loggia e le pareti interne ed esterne sono interamente affrescate con scene di romanzi storici, come l’Eneide e l’Orlando Furioso.

Palazzo Besta, Teglio
Palazzo Besta, Teglio

Altri palazzi da vedere sono: Palazzo Vertemate Franchi a Prosto di Piuro e Palazzo Salis a Tirano.

Chiese

Restando nella città di Tirano, è presente una chiesa veramente bella: la Basilica della Madonna di Tirano. Venne edificata nel Cinquecento, sul luogo dove, nel 1504, al tiranese Mario Omodei apparve la Madonna, auspicando la fine della peste se le fosse stato eretto un santuario in suo nome in quel punto.

Santuario della Madonna di Tirano
Santuario della Madonna di Tirano

Meritano una visita, anche, la Collegiata di San Lorenzo a Chiavenna, con la sua fonte battesimale risalente al 1156, ed il Santuario della Beata Vergine Assunta, di epoca rinascimentale, nel centro di Morbegno.

Musei

Se ami visitare i musei, la Valtellina è un luogo adatto a te.

Ce ne sono veramente molti: dal Museo del Tesoro, situato all’interno del Collegiato di San Lorenzo, al Mus! Museo di Livigno e Trepalle, per testimoniare lo spirito di adattamento sviluppato per la sopravvivenza in luoghi isolati e poveri di risorse.

Quest’ultimo è, secondo me, quello più interessante che merita una visita. E’ capace di catapultarti in un’altra epoca.

Altri musei degni di nota sono: il Museo Civico nel centro di Bormio, il Museo Etnografico Tiranese ed il Museo Vaninetti di Cosio Valtellino.

Livigno
Livigno

Parco delle Incisioni Rupestri

Lo sapevi che in Valtellina c’è una delle p’iù grandi rocce incise dell’arco alpino?

Si chiama Rupe Magna di Grosio ed ospita oltre 5 000 incisioni tra animali e lottatori.

Ho sempre adorato queste manifestazioni d’arte preistorica fin dal momento in cui, alle elementari, sono andata in gita in Val Camonica. E’ stata una grande emozione e da quel momento mi piacciono un sacco!

Rupe Magna di Grosio
Rupe Magna di Grosio

Questa rupe è situata all’interno del Parco delle Incisioni Rupestri. Il simbolo del parco è un uomo armato di uno scudo rotondo e di una spada o bastone che potrai vedere raffigurato in molti punti della roccia.

Resti della Prima Guerra Mondiale in Valtellina
Resti della Prima Guerra Mondiale in Valtellina

Valtellina: Quali attività posso fare?

Sei una persona avventurosa e dinamica, che non riesce a stare ferma nemmeno in vacanza? Allora la Valtellina è il luogo perfetto per te!

Ci sono attività per tutti i gusti.

Sport

Molto probabilmente conoscerai già questa vallata per gli sport invernali.

La Valtellina ha ben 400 chilometri di piste per lo sci e gli altri divertimenti invernali.

Snowboard, sci di fondo, ciaspole, sci estivo ed invernale, sleedog … Ognuno potrà trovare la sua attività preferita.

Piste da sci di Livigno
Piste da sci di Livigno

Se, invece, ti piace l’andrenalina puoi cimentarti in sport estremi, come l’arrampicata, il parapendio o il recente Fly Emotion.

Quest’ultimo è una di quelle cose che prima o poi vorrò provare. Fino ad ora non ne ho avuta l’occasione, ma appena mi organizzo, ci vado!

Si tratta di una potente fune d’acciaio che congiunge i due versanti opposti della Valle del Bitto, vicino a Morbegno. Ben attaccato con un’imbragatura vieni lanciato da una parte all’altra della vallata!

Che emozione!! Da paura!!

Fly Emotion Valtellina
Fly Emotion Valtellina – Fonte: www.valtellina.it

La Valtellina è perfetta per rimanere a contatto con la natura. Puoi cimentarti in diversi percorsi ciclopedonali, di trekking o di alpinismo, ma anche passeggiate a cavallo, golf e pesca sportiva. Insomma, c’è proprio tutto!

Valtellina
Valtellina

Dopo una giornata di sport, potrai goderti un momento di relax in una delle location termali. A Bormio, per esempio, in inverno viene proposto un pacchetto Sci+Terme che comprende uno skipass ed un ingresso alle loro speciali terme. Testate! Sono veramente fantastiche.

Gusto

Nel mio viaggio alla scoperta della Valtellina, non poteva mancare la cucina ed il buon vino.

Nella valle sono presenti oltre 2 500 chilometri di muretti a secco utilizzati per la coltivazione delle uve nebbiolo, dette chiavennasca.

Provengono da questo luogo vini come: il Valtellina Superiore DOCG e lo Sforzato.

Valtellina Casera DOP
Valtellina Casera DOP

Il Bitto e Valtellina Casera sono i due formaggi più famosi della Valtellina. Sicuramente ne avrai già sentito parlare, ma non potevo non citarli.

Vuoi mettere, poi, la bresaola, i pizzoccheri, le mele, il miele…. Uhm, quante cose buone!

Scoperta

Le cime della Valtellina arrivano a superare i 4 000 metri d’altezza, come il Pizzo del Bernina. Ed è proprio qui che si svolge, secondo me, l’esperienza più spettacolare: il Trenino Rosso del Bernina.

Trenino Rosso del Bernina
Trenino Rosso del Bernina

Ne avevo parlato nel post che trovi qui.

Per farti un riassunto: il punto di partenza del treno è la città di Tirano. La tratta Tirano – Sainkt Moritz è un vero spettacolo: si parte da 400 metri s.l.m., per arrivare ai 2253 metri s.l.m. della stazione Ospizio Bernina, per poi ridiscendere ai 1800 metri s.l.m. di Sainkt Moritz.

I paesaggi che puoi ammirare ti faranno rimanere a bocca aperta: d’inverno la neve che, solitamente, è presente nella gran parte del tragitto; d’estate, il verde e le cascate che compaiono dai fianchi della montagna.

Ponte di Combo, Bormio
Ponte di Combo, Bormio

Valtellina: Come arrivare?

La Valtellina è situata nella parte Nord della regione Lombardia vicino al confine con il cantone svizzero dei Grigioni.

Ci sono diversi modi per raggiungerla.

Treno

Il treno è il mezzo più ecologico per raggiungere la vallata e quello che permette di godersi appieno il paesaggio circostante.

La linea parte dalla Stazione Centrale di Milano e termina a Tirano, attraversando interamente la Valtellina. Se hai necessità di raggiungere Chiavenna, puoi scendere a Colico e cambiare con la seconda linea principale della valle.

Per maggiori informazioni: www.trenord.it

Auto

Se vuoi spostarti in completa autonomia, senza dipendere da orari, l’auto è la soluzione migliore.

Per raggiungere la Valtellina da Milano, devi imboccare la Strada Statale 36 dello Spluga fino a Colico e, da lì, proseguire sulla SS36 per raggiungere Chiavenna, oppure prendere la SS38 dello Stelvio per Sondrio, Tirano e Bormio.

Se, invece, arrivi da Nord, tramite il Passo del Gallo (tunnel Munt La Schera), puoi raggiungere Livigno e l’Alta Valtellina.

Ecco un pratico riepilogo dei Passi Alpini della valle:

Passi Alpini in Valtellina
Passi Alpini in Valtellina

Aereo

Se vieni da lontano, puoi scegliere l’aereo.

Gli aeroporti più vicini sono:

  • Bergamo Orio al Serio, 120 chilometri;
  • Milano Linate, 140 chilometri;
  • Milano Malpensa, 170 chilometri;
  • Zurigo, 300 chilometri;
  • Monaco di Baviera, 400 chilometri.
Valtellina Trekking
Valtellina Trekking

Per saperne di più…

Per saperne di più su questa fantastica meta, puoi consultare direttamente il sito del turismo della Valtellina all’indirizzo: www.valtellina.it

barra aereo

Non dimenticare di iscriverti alla newsletter e di mettere Mi Piace alla pagina Facebook di Viaggiando A Testa Alta per restare aggiornato su tutti i miei prossimi articoli e spostamenti.

Kiss Kiss,

Cassandra

#ViaggiandoATestaAlta

16 Replies to “Valtellina, la valle più bella della Lombardia”

  1. Che paesaggi meravigliosi! Vorrei tanto vedere quella zona. Fare il viaggio sul treno del Bernina è anche uno dei miei pallini e spero di farlo presto. Complimenti per le foto, davvero belle ?

  2. In Valtellina mi piacerebbe fare tutto, dalla visita alle incisioni all’assaggiare i prodotti tipici. Il volo no, quello l’ho anche già fatto in Basilicata e non ho capito che non fa per me ahaha

  3. Quanto vorrei fare un giretto sul trenino rosso, mi piacerebbe tanto! La nostra Bella Italia é tutta da scoprire, la Valtellina sembra un luogo incantevole, le foto mi hanno portata a immaginare fate, cavalieri e principesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *