Travel Interview Lucrezia e Stefano In World’s Shoes

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

Oggi, intervistiamo Lucrezia e Stefano di In World’s Shoes.

In World's Shoes

Lucrezia e Stefano si definiscono:

<<Due semplici ragazzi romani di 23 anni con la passione per i viaggi.>>

Lo sono realmente: nel loro piccoli hanno visitato molti luoghi d’Italia e d’Europa, sapendo raccontare per ognuno le particolarità più belle che non possono mancare in un viaggio.

Mi rispecchio molto in loro: la mia voglia di viaggiare è inarrestabile, non riesco a stare ferma in un luogo per molto tempo!

Lasciamogli ora la parola, ecco a te Lucrezia e Stefano di In World’s Shoes:

1. Iniziamo: per prima cosa, raccontaci di te. Chi sono Lucrezia e Stefano?

Due semplici ragazzi romani di 23 anni con la passione per i viaggi.
Io soprattutto – Lucrezia – voglio che questo sia il filo conduttore della mia vita, perché con il passare del tempo mi sono resa conto che viaggiare per me equivale alla felicità e se questa è l’unica vita che abbiamo, perché non cercare di essere felici tutto il tempo?

Stefano ama viaggiare come me, ma ha anche altre passioni su cui concentrarsi, come quella della pittura, che ha scoperto da un paio di anni.

Entrambi studiamo ancora all’università, quindi viaggiare tanto ci è difficile per via del salario pari a zero e dei risparmi messi via come formichine settimana dopo settimana.

2. Com’è nato il vostro blog In World’s Shoes?

Il blog è nato proprio perché, appena ci siamo conosciuti , il viaggiare è stato uno dei primi argomenti che abbiamo affrontato e ci siamo trovati subito d’accordo.

Inoltre io avevo già provato la strada del blogging alcuni anni fa, ma non ero motivata abbastanza.

Costruire la strada insieme è stato più semplice e giorno dopo giorno questa esperienza diventa sempre più interessante, ci ha permesso di conoscere tanta nuova gente e di farci ispirare continuamente oltre che di ricevere un paio di belle soddisfazioni personali.

In partenza per Praga
In partenza per Praga Photo Credit: Lucrezia e Stefano – In World’s Shoes

3. Quale canale social preferite e perchè?

E’ una domanda difficile. Stefano non è per niente “social”.

Di questo aspetto mi occupo totalmente io e devo dire che ogni piattaforma ha il suo perché.

Instagram lo adoro perché amo fotografare e osservare le fotografie degli altri viaggiatori, su Twitter il botta e risposta con gli altri è eccezionale ma quello che mi da più ispirazione e che mi permette di entrare maggiormente in contatto con chi ama viaggiare è forse proprio Facebook.

4. Quali sono, secondo voi, le 3 migliori qualità che un travel blogger dovrebbe possedere?

La sincerità: odiamo chi dice che tutto è bello, tutto è perfetto, tutto è buono senza mai mettere in luce qualche punto negativo – che si sa, in viaggio si trova molto spesso – per paura magari di apparire meno adatto a viaggiare o forse più lamentoso. O magari meno accettabile agli occhi delle aziende che vogliono ricevere solo giudizi positivi (strizzano l’occhiolino). Come faccio a fidarmi del giudizio di un travel blogger se non leggo mai dei suoi pareri negativi su qualcosa, anche minima? Possibile abbia sempre e solo sensazioni positive?

Inoltre, un travel blogger, deve avere la capacità di incuriosire ed emozionare chi lo legge. Altrimenti, se questo non c’è, dopo le prime righe di un articolo la pagina viene chiusa e quel lettore è perso.

5. Quale luogo del Mondo vi ha maggiormente colpito e perchè?

Ora come ora ci stiamo concentrando soprattutto sui viaggi in Europa, a causa, come abbiamo già detto, del nostro budget parecchio limitato.

Ma l’Europa sa davvero sorprenderti.

Il viaggio on the road che abbiamo fatto in Romania a settembre ci ha lasciato così tanto che ancora oggi stiamo cercando di “uscire” da quel viaggio per prepararci ai prossimi.

In World's Shoes
Photo Credit: Lucrezia e Stefano – In World’s Shoes

6. Il viaggio aereo più lungo su cui siete saliti? Come avete fatto passare il tempo?

Tre anni fa sono stata a New York, quando ancora non conoscevo Stefano ed il viaggio in aereo è durato quasi 9 ore.

All’inizio ero parecchio preoccupata considerando la mia paura di volare ma appena salita sul volo mi sono sentita quasi nel salotto di casa mia. C’era uno schermo di fronte a me ed era possibile guardare film, ascoltare musica, giocare con qualcuno o da soli.

Inoltre durante il volo mi è stato portato il pranzo ed altri snack e ognuno di noi aveva in dotazione una coperta con un cuscino per dormire un po’.

Le ultime ore sono le più pesanti. Sembrano non finire mai.

7. Per un viaggio preferite il mare, la montagna o la città?

Non stando mai fermi capita molto spesso che in un solo viaggio siano presenti tutte e tre le cose.

Come quando siamo stati in Francia del sud. Anche qui abbiamo fatto un bellissimo on the road e passavamo dal mare, alle grandi città, ai paesini arroccati sulle montagne nel giro di poche ore.

Non ci piace dover scegliere ma se dovessimo farlo sceglieremmo la città.

8. Se doveste preparare la valigia in pochi minuti, che cosa mettereste?

La macchina fotografica, il cellulare, un taccuino, medicine di tutti i tipi, e un mix indefinito di vestiti per ogni clima – presi direttamente dall’armadio e appallottolati in valigia proprio come nei film.

In World's Shoes
Photo Credit: Lucrezia e Stefano – In World’s Shoes

9. Avete a disposizione solamente un weekend ed un budget abbastanza ridotto, dove andreste?

Se potessi scegliere tornerei a Budapest, è una città che ho amato e che visiterei di nuovo molto volentieri insieme a Stefano. Una città dove, per altro, voli ed alloggi costano davvero poco.
Se invece volessi scegliere qualcosa di nuovo penso che punterei Tallinn.

10. Ed, infine, raccontateci un po’ del vostro futuro: qual’è il vostro prossimo viaggio o progetto in programma?

Durante il Ponte dell’Immacolata, siamo stati a Praga. Proprio quando la città si veste dei suoi colori e profumi migliori, con i mercatini di Natale e quell’atmosfera magica che è difficile trovare il resto dell’anno.

Nel 2017 sono previste molte novità ed alcune collaborazioni importanti. Ma ancora non vi sveliamo nulla. Dovrete seguirci! 😉

Complimenti ragazzi, non vedo l’ora di scoprire le novità che il nuovo anno porterà nel vostro blog.

Bello il vostro ultimo viaggio a Praga. Mi piacerebbe visitarla, magari durante un weekend lungo primaverile. Ottimi consigli e concordo con voi sul check-in della camera. Anche io sono molto mattiniera e quando sono in una località con pochi giorni a disposizione cerco di sfruttarli fino all’ultimo.

Mi ricordo lo scalo a Barcellona sulla crociera con Costa Diadema. Orario 9-18, una corsa forsennata e, purtroppo, sono riuscita a vedere veramente poco. Quanto vorrei ritornarci?

Se vuoi seguire Lucrezia e Stefano nelle loro avventure, qui di seguito trovi i link del loro blog e dei loro canali social:

Sito WebFacebook – Twitter Instagram YouTube – Pinterest

barra aereo

Non dimenticare di iscriverti alla newsletter e di mettere Mi Piace alla pagina Facebook di Viaggiando A Testa Alta per restare aggiornato su tutti i miei prossimi articoli e spostamenti.

Kiss Kiss,

Cassandra

#ViaggiandoATestaAlta

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

5 Replies to “Travel Interview Lucrezia e Stefano In World’s Shoes”

  1. Bella questa intervista Cassandra! Seguo Lucrezia e Stefano da quando ho scoperto il loro blog tramite Twitter. Adoro il loro modo di raccontare in maniera fresca e vera le località che toccano durante i viaggi. Mi piacciono un sacco le foto che scattano. E sono persone carinissime: il che è una gran cosa!
    Da questa bella chiacchierata tra voi è emerso bene ognuno di questi aspetti!
    PS: Cassandra a me con Barcellona è capitata la stessa cosa. Hai ragione, poi sono dovuta tornare 😉
    Baci,
    Claudia B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *