Miami, consigli utili per un viaggio perfetto

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

Sicuramente lo saprai già: sono appena tornata da un incredibile viaggio a Miami ed alle Bahamas. Vediamo insieme alcuni consigli utili per un viaggio perfetto.

Il viaggio aereo con American Airlines

Ho viaggiato dall’aeroporto di Milano Malpensa con un volo diretto operato da American Airlines.

Il volo ha una durata diversa tra andata e ritorno: 11 ore in andata e 9 ore e 50 minuti per il ritorno.

A Malpensa è presente un’area dell’aeroporto dedicata esclusivamente ai voli con destinazioni nel continente americano. L’accesso è sorvegliato da militari, ben attrezzati.

I check-in sono dal numero 20 al 24 e ti viene richiesto, oltre al classico biglietto e passaporto, la stampa dell’ESTA ed il nome del primo hotel in cui soggiornerai al tuo arrivo.

Ricordati ai controlli al metal detector di tirare fuori dal bagaglio a mano il computer portatile, altrimenti ti fanno storie.

L’aereo utilizzato da American Airlines era un 767-300, un modello abbastanza vecchiotto rispetto agli attuali standard.

Il lato più negativo di questa tipologia di aereo è la mancanza degli schermi interattivi sui sedili! Appena me ne sono accorta, ho pensato: “Nooooooooo!!! Come faccio 11 ore senza poter guardare qualche film!”.

Il volo di andata sono riuscita a farlo passare studiando qualcosa per l’università, editando qualche foto…. Era di giorno, quindi, ho resistito. Il volo di ritorno, invece, è stato veramente pesante: era durante la notte, quindi tenere acceso il PC avrebbe disturbato le altre persone, leggere anche… Dormire non si riusciva sia per il freddo (aria condizionata sparata al massimo, anche con la coperta si congelata) che, ovviamente, per la posizione molto scomoda.

Ero in piedi dalle 7 del mattino, quindi, potrai immaginare come sono arrivata a Malpensa il giorno dopo.

Nonostante questo, il resto del volo è andata molto bene: il cibo ed il servizio erano ottimi.

Sul volo di andata mi è stato servito il pranzo ed uno snack, al ritorno, la cena e la colazione.

Pranzo sul volo di andata
Pranzo sul volo di andata

C’era, addirittura, il gelato. Mai mangiato in aereo!

Gelato in aereo
Gelato in aereo

A te è capitato qualche volta?

Meno male che mentre ero a casa ho scaricato delle puntate di varie Serie TV utilizzando la funzionalità di Netflix, che permette il download offline su tablet e smartphone. Devi avere una grande capienza sul dispositivo, ma ti salva in situazioni come questa. Viva Netflix!

Un fenomeno spettacolare: le montagne come isole

Come sicuramente avrai già visto nel video sul mio canale YouTube, sul volo di andata ho assistito ad un fantastico spettacolo: le montagne che spuntano da un mare di nuvole.

Alla partenza a Malpensa c’era un tempo pessimo, molto nuvoloso con piogge sparse. Quando l’aereo ha superato la distesa di nubi, ecco lo spettacolo.

Le cime delle montagne più alte si innalzano dal mare di nuvole, bianco come panna montata. Wow!!

Montagne come isole
Montagne come isole

Ho visto anche il canale della Manica….

Il canale della Manica dall'alto
Il canale della Manica dall’alto

Londra e New York. Purtroppo di queste due città non sono riuscita a scattare delle foto perchè erano troppo lontane e dal cellulare non si riuscivano a notare.

L’hotel in aeroporto

Sono arrivata al Miami International Airport alle 16. Per me erano le 22, quindi stavo quasi per crollare.

Per la prima notte ho soggiornato al Miami International Airport Hotel situato all’interno dell’aeroporto, esattamente alla sezione E (chiamata Concourse E) al livello delle partenze (cioè il secondo piano).

E’ stato un po’ difficile trovarlo perchè è decisamente nascosto.

Si trova esattamente di fronte al Burger King e Starbucks del Concourse E, quindi, una volta trovati quelli, riuscirai sicuramente a raggiungere l’hotel.

Ho prenotato tramite Booking.com, scegliendo l’opzione “Paga in struttura“.

All’arrivo, ho potuto pagare subito, in valuta locale, tutto in contanti. Ciò l’ho trovato veramente molto comodo.

Una volta effettuato il check-in, ti vengono consegnate due tessere per l’apertura della camera e la password del WiFi.

Per raggiungere le camere, devi utilizzare gli ascensori posti subito dopo la reception. Le camere sono molto belle e ben arredate.

Puoi vedere la mia alla fine del video YouTube che riassume tutto il primo giorno:

Che ne pensi? Vi sono due lati negativi:

  1. le camere non hanno finestre, in quanto interne all’aeroporto. Ciò è molto limitante perchè, dopo 11 ore di aereo ed una notte passata in questa stanza, inizi ad avere degli attacchi di claustrofobia.
  2. il WiFi è pessimo. In camera ha funzionato raramente ed in reception è riuscito a reggere a malapena una chiamata con Skype.

Per la connessione ad Internet ti consiglio vivamente di utilizzare quella dell’aeroporto. E’ limitata a 30 minuti (per durate maggiori devi acquistare dei pacchetti aggiuntivi), ma almeno funziona. Per collegarti:

  1. accendi il WiFi del tuo dispositivo;
  2. seleziona la rete “MIA – WiFi”
  3. seguire le istruzioni che appaiono sulo schermo.

Come muoversi a Miami?

Per spostarmi dall’aeroporto al porto ed a Miami ho utilizzato Uber.

Con l’account creato in Italia puoi tranquillamente utilizzare il servizio anche in America.

Accedi all’applicazione, inserisci il tuo punto di destinazione ed in automatico viene assegnato il luogo di partenza in base alla tua posizione in quel momento (puoi anche cambiarlo se vuoi). Ti viene calcolata in anticipo la tariffa che pagherai e, nella mia esperienza, è sempre stata nettamente inferiore a quella dei taxi normali. Esempio: tariffa standard aeroporto – South Beach 28$ con Uber 18$

Ci sono varie tipologie di auto, come UberX, UberXL, UberLUX (in ordine di prezzo crescente). Naturalmente, se non hai eccessivi bagagli, ti consiglio UberX. Premi “Richiedi UberX” ed il gioco è fatto!

Uber come mezzo di trasporto
Uber come mezzo di trasporto

Sulla mappa visualizzerai il punto preciso in cui si trova l’auto che sta arrivando per te, oltre al tempo mancante.

Generalmente, ho atteso massimo 5 minuti, ma in media l’attesa era di 2 minuti. Velocissimo!

Il pagamento avviene in automatico a fine corsa tramite il metodo che hai impostato sull’app. Sarà sempre il prezzo che ti è apparso alla prenotazione della corsa.

I metodi di pagamento disponibili sono: PayPal e carta di credito. Ho utilizzato il primo e non ho avuto alcun tipo di problema.

Se vuoi provarlo, iscrivendoti tramite il seguente link, avrai 10€ di sconto sulla prima corsa 😉 Promo Uber

La sistemazione a South Beach

Dopo la crociera alle Bahamas, ho soggiornato per due al Blue Moon Hotel, Autograph Collection prenotato tramite Booking.com.

L’hotel si trova su Collins Avenue, una delle vie centrali di South Beach, parallela ad Ocean Drive, in corrispondenza della Decima Strada. Posizione, quindi, ottima. Vicino ai luoghi più importanti della zona.

Ricorda: Avenue, strada in verticale (da nord a sud); Street, strada in orizzontale (da destra a sinistra).

Collins Avenue, Miami
Collins Avenue, Miami

Il proprietario è molto simpatico e disponibile. Parla inglese, spagnolo ed, anche un poco di italiano. Sarà sempre pronto a realizzare ogni tua richiesta.

Al momento del check-in viene richiesta una carta di credito su cui verrà bloccata una somma come deposito. Ti vengono consegnate due chiavi elettroniche per accere alla camera e la password per il WiFi.

La connessione ad Internet è veramente efficiente, veloce ed è molto semplice connettersi: devi selezionare la rete dell’hotel e sulla pagina che appare effettuare l’accesso tramite la password che ti è stata data in precedenza.

La camera era situata al secondo piano e dava sulla piscina. Appena entrata, ho pensato: “Wow, che bella!“. Era molto spaziosa. Venendo da una cabina interna in crociera, mi è sembrata ancora più grande. Il letto era grande e veramente comodo, con lenzuola bianche e blu che richiamano l’insegna dell’hotel. Vi era, anche, una scrivania con tavolino di vetro ed una poltrona ergonomica da ufficio. Perfetto per lavorare al PC. Il frigo bar era riempito di bevande, a pagamento, ma a prezzi leggermente più bassi rispetto ai bar in zona. Era presente anche una macchinetta per il caffè ed il tè.

Questo era incluso nel prezzo della camera assieme alle bottiglie di acqua. Ottimo!!

Il bagno merita anch’esso una menzione! L’arredamento era bellissimo e la doccia fantastica, il tutto corredato da buonissimi prodotti di L’Occitane. Al check-out puoi pagare in contanti, come per l’hotel all’aeroporto.

Un consiglio, fai attenzione al prezzo! A me come primo importo ne hanno inizialmente dato uno che era più alto rispetto a quello concordato con la prenotazione di Booking, ma appena ho fatto vedere la ricevuta, hanno provveduto subito a correggerlo.

Non so se fosse stata una vista, ma, nel caso, è sempre meglio controllare.

Nel complesso, però, l’hotel ha più che soddisfatto le mie aspettative. Lo promuovo, quindi, a pieni voti e te lo consiglio vivamente per il tuo soggiorno a Miami.

Prenotalo, se riesci, con qualche mese in anticipo, in modo da ottenere il miglior prezzo disponibile.

728 x 90 IMU Leaderboard

barra aereo Non dimenticare di iscriverti alla newsletter e di mettere Mi Piace alla pagina Facebook di Viaggiando A Testa Alta per restare aggiornato su tutti i miei prossimi articoli e spostamenti.

Kiss Kiss,

Cassandra

#ViaggiandoATestaAlta

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

21 Replies to “Miami, consigli utili per un viaggio perfetto”

  1. Miami non è una citta che al momento mi ispira particolarmente, però ho letto comunque con interesse soprattutto per quanto riguarda Uber! Volevo utilizzarlo anche io a New York ma per vari motivi alla fine abbiamo rinunciato… è sicuro quindi? Non conoscevo nessuno che l’avesse usato e quindi sono curiosa 🙂

  2. Ottimo post molto dettagliato e ricco di utili informazioni. Io da Miami sono passata solo per degli scali e i miei ricordi sono: un’afa insopportabile a maggio tanto da far mancare il respiro (tanto che mi sono chiesta come facesse Orazio di CSI Miami ad indossare sempre la giacca) e poi grandi difficoltà a muoversi in aeroporto. All’epoca era in ristrutturazione e non ti dico che percorso alternativo abbiamo dovuto seguire tra sali e scendi e dentro e fuori……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *