Il viaggio a Tenerife con Neos Air e Karambola

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

Quest’estate mi sono recata a Tenerife prenotando tramite il gruppo Alpitour, esattamente con Karambola ed ho volato con Neos Air da Malpensa.

Vediamo insieme la mia esperienza.

La prenotazione sul sito Alpitour

Da moderna ragazza, per risparmiare qualcosa sui costi di agenzia ho prenotato tramite il portale online del sito Alpitour.

Siccome ho prenotato a fine maggio, la struttura che ho scelto per il soggiorno non mi ha dato immediatamente disponibilità. Quindi, sono stata contattata dopo pochi minuti dalla richiesta di prenotazione da un’assistente del tour operator per definire i dettagli.

Mi ha chiesto conferma dei miei dati personali, della tipologia di camera preferita ed una seconda scelta in caso di indisponibilità. Entro 24 ore avrei ricevuto una mail in cui mi sarebbe stata confermata o meno la disponibilità della struttura.

Ho dovuto anche versare immediatamente tramite carta di credito l’anticipo del 25%. La parte restante è da pagare entro 20 giorni dalla partenza o con carta di credito o con bonifico bancario.

Il giorno seguente ho ricevuto la mail di conferma: la struttura aveva disponibilità per la camera standard per la settimana dall’11 al 18 agosto! Evvai, vacanze al mare prenotate!

Il volo con Neos Air

Gli operativi dei voli sono stati i seguenti:

11 agosto Milano Malpensa 16.05 – Tenerife Sur 19.30

18 agosto Tenerife Sur 19.30 – Milano Malpensa 1.55 (scalo tecnico Fuerteventura)

Ti consiglio per la partenza da Malpensa di effettuare il check-in online, in questo modo potrai scegliere i posti a sedere ed in aeroporto usufruire di una corsia preferenziale per l’imbarco delle valigie.

Per me è stato veramente utile perchè nella fila per il gate normale c’erano circa 200 persone!

Ci avrei messo minimo 1 ora e mezzo per sbrigare il tutto, mentre con il check in online ho impiegato solamente mezz’ora.

Dalla scelta del posto, sono esclusi solamente quelli vicino alle uscite di emergenza e nelle prime ed ultime file per le quali bisogna pagare un supplemento al banco dell’aeroporto dai 30 ai 50 euro a seconda della durata del viaggio.

Non te li consiglio, però, perché durante il decollo e l’atterraggio non puoi tenere con te nessun oggetto, nemmeno un libro da leggere!

In partenza da Malpensa
In partenza da Malpensa

Come effettuare il check-in online con Neos Air?

E’ possibile effettuare il check-in online da 24 a 3 ore prima della partenza. Il procedimento è molto semplice:

  1. Recati sul sito della compagnia Neos Air;
  2. In alto a destra sopra al riquadro per prenotare un volo, vedrai 3 pulsanti, clicca su Web Check-In;
  3. A questo punto, siccome avrai sicuramente prenotato tramite un tour operator, compila il secondo form inserendo i tuoi dati ed il numero di prenotazione;
  4. Compila i campi ed effettua la scelta dei posti a sedere da te preferiti (dal 18 al 22 solitamente sono quelli sulle ali);
  5. Al termine puoi decidere se stampare direttamente la tua carta di imbarco, fartela inviare per email oppure utilizzare delle app apposite sugli smartphone.

Avendo Iphone, ho utilizzato l’app Passbook: mi hanno inviato per email un file da aprire dal telefono e, aprendolo, all’interno dell’app è stata inserita la carta d’imbarco con relativo QRCode. All’imbarco dovrai semplicemente presentare il telefono.

L’ho trovato un modo innovativo, originale e molto semplice. Te lo consiglio!

L’esperienza in volo

Salendo a bordo, ho notato subito la mancanza degli schermi sui sedili passeggeri.

L’intrattenimento è scarso: si hanno una serie di programmi musicali ed un unico film che viene proiettato su piccoli schermi a scomparsa dall’alto, uno ogni 3 file di posti.

Io l’ho trovato veramente scomodo: se capiti esattamente sotto lo schermo non riesci a vedere nulla e quello più avanti è troppo lontano e piccolo. Inoltre, sulla mia linea hanno proiettato lo stesso film sia all’andata che al ritorno.

Sul volo di andata per usufruire della musica e della visione del film, ti verranno consegnati degli appositi auricolari rossi che dovrai conservare anche per il viaggio di ritorno.

Se per caso li perdi, però non disperare, sull’aereo ho visto una signora con lo stesso problema e ne ha subito ricevuto un nuovo paio senza problemi.

Per motivi di sicurezza è vietato collegare dei propri auricolari alle prese dei sedili.

Leggendo sul giornale di bordo, ho poi scoperto che, prima della partenza, era possibile scaricare l’app di Neos sul proprio smartphone e tablet per vedere film e contenuti interattivi durante il volo.

Non ho avuto modo di provarla perché l’ho letto durante il ritorno, ma la prossima volta lo farò sicuramente e ti dirò se è valida.

Se tu l’hai già utilizzata, scrivimi com’è pure tra i commenti, sono curiosa!

Ti darei un consiglio: sull’aereo non c’erano nè prese di corrente nè prese USB per caricare i dispositivi, quindi, se hai intenzione di usare l’app, munisciti di una batteria portatile potente e, soprattutto carica, specialmente per viaggi particolarmente lunghi.

Lo stretto di Gibilterra
Lo stretto di Gibilterra

Il personale di bordo è veramente gentile e disponibile: sul volo di andata ho chiesto una birra ed un succo per il pranzo e, nonostante sul carrello in quel momento fossero finiti, dopo poco me li hanno portati, sul volo di ritorno, invece, per il freddo ho chiesto una coperta calda e mi è stata immediatamente fornita.

Il pasto a bordo, rispetto alle altre compagnie, mi è piaciuto molto: è stato preparato in stile italiano.

Sul volo di andata la pietanza principale erano dei ravioli al sugo e su quello di ritorno le lasagne. Il tutto accompagnato rispettivamente da prosciutto crudo, macedonia e tortino alla crema, per l’andata, e salmone affumicato con macedonia e crostata al cioccolato, al ritorno.

Credo, dal punto di vista di noi italiani, Neos Air sia una delle poche compagnie aeree su cui possiamo dire di mangiare un pasto decisamente in linea con le nostre aspettative.

Veniamo ora all’atterraggio: quello in arrivo a Tenerife Sur è stato un vero disastro, il pilota è sceso troppo in fretta ed il dolore alle orecchie era atroce.

Sono rimasta senza sentire da un lato per circa un giorno e mezzo, così grave non mi era mai successo! Purtroppo ciò dipende tanto dal pilota perché sul volo di ritorno, in cui ne ho incontrati addirittura due, per lo scalo a Fuerteventura, non ho sentito assolutamente nulla.

A te è mai capitato un atterraggio del genere? Spero di non essere l’unica a soffrire di questi dolori.

Per quanto riguarda lo scalo tecnico a Fuerteventura, siccome si trattava di un volo charter utilizzato esclusivamente per i soggiorni prenotati tramite il tour operator Alpitour, l’aereo fungeva da collegamento per entrambe le isole.

La rotta circolare era: Milano Malpensa – Tenerife Sur – Fuerteventura – Milano Malpensa.

Mi è successa una cosa strana!

Avevo già utilizzato questa tipologia di voli l’anno scorso recandomi a Gran Canaria con scalo a Lanzarote. Durante lo scalo in aeroporto mi avevano fatto rimanere seduta sull’aeromobile, mentre qui a Fuerteventura mi hanno fatto scendere e sono rimasta a terra solamente per una decina di minuti. 

Dovevano ripulire l’aereo, ma in così poco tempo non credo siano riusciti a fare molto!

Questo è il resoconto della mia prenotazione con Karambola e del volo con Neos Air.

Nel prossimo articolo descriverò l’hotel in cui ho soggiornato con i servizi raggiungibili nelle vicinanze.

Seguimi per scoprire di più sulla mia avventura a Tenerife e non dimenticare di condividere, se l’articolo ti è piaciuto, e di mettere Mi Piace alla pagina Facebook.

Kiss Kiss,

Cassandra

#ViaggiandoATestaAlta

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *