Bufera di neve il 19 giugno!

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

Domenica 19 giugno avendo nostalgia della neve e pensando al gran caldo che mi avrebbe atteso durante questa settimana a Milano (le temperature supereranno i 30 gradi), ho deciso di recarmi al Passo dello Stelvio. E sorpresa: mi ha accolta letteralmente una bufera di neve! Siccome dovevo andare e ritornare in giornata, mi è toccata  una grande levataccia: in piedi alle 4.30 perché da Milano sono circa 3 ore e mezza di macchina (km 212).

Dopo Bormio, si entra nello spettacolo naturale della SS38 (Strada Nazionale del Passo dello Stelvio). Solo questa strada merita tutta la fatica di alzarsi così presto!

E’ un po pericolosa (35 tornanti!!), quindi la consiglio a guidatori veramente esperti, siccome ci sono anche alcune gallerie in cui riesce a passare solo una macchina per volta.

Nonostante ciò, l’emozione è assicurata! Ci sono paesaggi verdi sterminati, ma soprattutto tantissime cascate che meritano una foto!

Se sei appassionato di fotografia, ogni 5 minuti troverai qualcosa da immortalare.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ed ora arriviamo alla parte più interessante: quando mancavano pochi tornanti all’arrivo, ha iniziato a nevicare ed in pochi chilometri il paesaggio è diventato tutto bianco e completamente innevato.

All’arrivo c’erano circa 50 centimetri di metri nel parcheggio, ma sui lati delle strade molta di più!

Il Passo dello Stelvio è situato a 2758 metri s.l.m. ed è famoso, oltre che per la meravigliosa strada per arrivarci, per lo sci estivo sul ghiacciaio. Le piste si estendono fino ai 3450 metri s.l.m. del Monte Cristallo e sono aperti da Maggio a Novembre.

E’ una località particolarmente adatta per i principianti e per chi non ha mai messo gli sci perché le piste sono quasi tutte semplici e molto larghe. Garantito!!

Guarda che spettacolo:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ti ricordo che era il 19 di giugno, non gennaio o febbraio!

Quel giorno, purtroppo, sciare era letteralmente impossibile a causa della nebbia: ho provato a fare qualche pista, ma non vedevi niente già a qualche metro da te! Troppo pericoloso!

Inoltre, la neve ed il freddo erano insopportabili!

E’ qui che un paio di anni fa ho provato per la prima volta a sciare. Era l’ultimo weekend di apertura degli impianti (1-2 novembre) ed ho soggiornato all’hotel Pirovano, soprannominato l’Università dello Sci.

L’alloggio assomiglia ad una classica baita di montagna ed anche le stanze sono quasi interamente di legno e molto spaziose. Le tariffe offerte sono tutte in pensione completa, con la possibilità di riduzione in mezza pensione, ma non ve lo consiglio perché i pasti sulle piste sono molto cari!

L’hotel è anche dotato di wifi gratuito alla reception, piscina, vasca idromassaggio, bagno turco e sauna finlandese, di una discoteca aperta quando l’hotel è al completo e di tavoli da ping pong e calcetto per divertirsi in compagnia.

Cosa c’è di meglio dopo una giornata passata sulle piste, di una bella vasca idromassaggio in cui immergersi per rilassarsi o di una sauna finlandese per distendere i muscoli intorpiditi dal freddo?

Lo consiglio vivamente per il tuo futuro soggiorno a 3000 metri!

Non dimenticare di mettere Mi piace alla pagina Facebook di Viaggiando a Testa Alta per seguire tutti i prossimi articoli.

Kiss Kiss,

Cassandra

#Viaggiando a Testa Alta

Condividi su...Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0
Email this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *